Breaking News

Vivere in Molise – Soggiorno obbligato a 24 mila euro

Attualità / Business / Slider / Top News / 3 Settembre 2019
Tempo di lettura 3 minuti

Vivere in Molise – Antonio Tedeschi scommette 24 mila euro su chi decide di stabilirsi per almeno cinque anni in uno dei piccoli comuni della Regione.

Sembra un’idea bizzarra, pagare delle persone perchè vadano a stabilirsi nei piccoli comuni della regione, dove anche gli abitanti che resistono allo spopolamento vorrebbere ricevere eguale trattamento, eppure, calcolatrice alla mano, non tornano solo gli abitanti ma  tornano anche i conti! «Per aderire a questa iniziativa – spiega il Consigliere di Maggioranza Antonio Tedeschi –  è necessario aprire un’attività e trasferirsi nel comune prescelto per almeno cinque anni, un quinquennio nel corso del quale si dovranno sostenere le spese di apertura e gestione dell’azienda cui aggiungere quelle personali che in Molise, secondo i dati ISTAT, ammontano a circa 2090 euro a famiglia».



Antonio Tedeschi Consigliere di Maggioranza presso la Regione Molise

Queste le ragioni che hanno portato la Giunta regionale ad approvare lo schema di avviso per  “l’accesso al Fondo in favore di soggetti che andranno a risiedere nei comuni con popolazione fino a 2000 abitanti” da alcuni già denominato “reddito di residenza”.

L’avviso che a breve sarà pubblicato sul Burm (bollettino ufficiale della regione Molise), coinvolgerà circa 100 comuni ed è frutto del Protocollo d’Intesa del 26 giugno scorso, siglato tra il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero dell’Economia e Finanze e la Regione.

Il progetto sarà ampliato gradualmente in funzione della risposta e dei risultati, partendo da un primo stanziamento di quasi 500 mila euro per il 2019 ed un secondo di pari importo per l’anno successivo.
Il Consigliere Tedeschi, raggiunto al telefono da Quid Mag, ci spiega che si tratta di un’iniziativa completamente nuova per la nostra Regione, ed è quindi normale e necessaria una fase iniziale di assestamento e sperimentazione, utile a tarare gli interventi successivi, in funzione della risposta ma anche dell’effettiva ricaduta benefica sul territorio. Al raggiungimento dei risultati previsti, potranno dunque aggiungersi nuovi stanziamenti.
Abbiamo chiesto a Tedeschi, in una nazione di “furbetti”, come intendano arginare il problema delle residenze e delle aperture d’impresa fittizie: «saranno messi in campo tutti i controlli necessari per constatare la veridicità di quanto dichiarato ed il perdurare della residenza e dell’attività economica. Trasgredire alle prescrizioni del bando – aggiunge Tedeschi – significherà dover restituire gli importi erogati con le eventuali penali previste in fase istruttoria»

Modalità di erogazione dei fondi:

La concessione prevista per ogni beneficiario è di 8 mila euro l’anno, durante un triennio, per un totale di 24 mila euro a progetto.
I beneficiari dovranno impegnarsi a vivere in Molise, a risiedere sul territorio e mantenere attiva la partita IVA per almeno 5 anni a far data dalla accettazione del progetto. «Bisogna aggiungere – spiega l’esponente dei Popolari per l’Italia – che tutte le proposte saranno vagliate da un’apposita commissione per dare la precedenza a quei progetti che coinvolgeranno nuclei familiari più numerosi e aziende in grado di assorbire, potenzialmente, il maggior numero di nuove unità lavorative, i single con partita iva non sono in questo momento il target primario. L’apertura di 40 -50 nuove partite iva in una regione come la nostra – continua Tedeschi – sono un segnale importante per l’economia del territorio e chi conosce nostra realtà ne è ben consapevole».

 

 

Media coverage:

La copertura mediatica determinerà il successo di tutta l’operazione, per questo pensiamo a campagne di divulgazione mirate da estendersi necessariamente oltre i confini regionali e se possibile nazionali, la risonanza deve essere totale per dare la giusta efficacia a questa ambiziosa operazione che al netto di qualche detrattore, può rappresentare il punto di partenza per tante piccole iniziative di rilancio, oltre ad essere un incentivo per chi desidera vivere in Molise.

Aggiornamento del 18 settembre 2019

Nell’edizione straordinaria del Bollettino Ufficiale della Regione Molise, del 17 settembre 2019, è stato pubblicato l’avviso avente ad oggetto “Reddito di residenza attiva per l’accesso al Fondo in favore di soggetti che vanno a risiedere nei comuni con popolazione fino a 2000 abitanti”.

La domanda dovrà essere inviata, a pena di esclusione, a mezzo pec all’indirizzo: [email protected], corredata dalla copia di un documento valido d’identità del firmatario e da tutti i documenti richiesti, entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 30.11.2019.

Vai alla pagina: LINK

 



[Voti: 7    Media Voto: 5/5]

Tag:, , , , ,



Oiluj Moeno




Articolo precedente

Qual è il miglior ristorante in Molise?

Articolo successivo

L'imprenditoria molisana impara il Cinese





Magari ti piace anche



8 Commenti

su 12 Settembre 2019

Me gustaría tener información para migrar a estas ciudades. Muchas gracias!

su 13 Settembre 2019

Buongiorno,io sino da la Argentina,es posibile participaré del proyecto? Grazie.

su 13 Settembre 2019

Soy Argentino de Santiago del estero al norte de Argentina y trabajo en un a compañía de Seguros, mi familia somos 4 con mi esposa que es Docente y mis hijas de 13 años y 2 años , me interesa ir a vivir allá, cual es son las condiciones??

su 14 Settembre 2019

Hola quisiera postularme para el puesto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Altre Storie

Qual è il miglior ristorante in Molise?

Qual è il miglior ristorante in Molise? Vuoi sapere quali sono i migliori alberghi in Molise, qual è il miglior ristorante...

20 Agosto 2019