Strategie di trading per oro e petrolio

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Trading Petrolio: Guida Come investire sul Petrolio

La materia prima Petrolio è insieme al trading sull’oro la più utilizzata dai trader di tutto il mondo, il trading sul petrolio è una forma di investimento reale grazie al quale è possibile ottenere ottimi profitti. Vediamo quali sono le forme di trading e come fare trading sul petrolio.

Quotazione Petrolio in tempo reale

La materia prima il Petrolio

Esistono raffinerie di petrolio, dove è presente appunto il petrolio greggio in grandi quantità. Queste servono per generare i carburanti di cui abbiamo necessità come, ad esempio la benzina, il diesel, e l’olio utilizzato per il riscaldamento. Il petrolio greggio viene estratto dai pozzi petroliferi, e viene portato dalla petroliera in una raffineria di petrolio. Nel corso di questo processo, i carburanti e le sostanze chimiche vengono filtrate dal petrolio greggio e anche dalla nafta.

Petrolio materia prima

Ci sono anche delle materie prime che vengono estratte dal petrolio presso la raffineria per produrre materie plastiche come il polistirene. Generalmente quando il petrolio greggio viene raffinato, il 4% viene utilizzato come materia prima per la fabbricazione di materie plastiche. Ad esempio la nafta viene filtrata dal petrolio greggio, e viene tramutata in polistirolo, ma anche per produrre altri materiali plastici. Solitamente il polistirolo in questa fase si presenta sotto forma di piccoli granuli. I granuli vengono poi portati nella fabbrica che produce prodotti in polistirolo come, ad esempio involucri per cellulare, sedie.

Sostanzialmente i passaggi di lavorazione del petrolio, dove la materia prima viene trasformata in prodotti fabbricati sono:

  • Pozzo petrolifero;
  • Petroliera;
  • Raffineria petrolifera;
  • Nafta/Plastica: lavorazione;
  • Granuli di plastica (polistirolo);
  • Fabbricazione di oggetti in plastica.

Estrazione del Petrolio

E’ importante conoscere il processo di estrazione del petrolio greggio. Come fanno i produttori a estrarre il petrolio greggio da terra? Prima di tutto hanno bisogno di una piattaforma petrolifera che ha la funzione di perforare la terra per creare un pozzo petrolifero. Ci sono poi le valvole di raccolta che devono mantenere la pressione quando viene estratto il petrolio greggio.

Estrazione del petrolio

Il processo di estrazione si può suddividere principalmente in tre fasi, ovvero:

  • Recupero primario: in questo stadio il petrolio si trova a scorrere sotto la base della piattaforma, e viene spinto in superficie sia grazie alla pressione sotterranea che tramite l’aiuto di un ascensore artificiale che ha il compito di pompare petrolio;
  • Recupero secondario: in questa fase si verificherà una diminuzione della pressione sotterranea, perciò si metteranno in pratica altri metodi per estrarre petrolio grezzo dal pozzo. Un modo è quello di immettere gas naturale oppure acqua nel pozzo che fa salire il petrolio in modo da essere pompato;
  • Recupero terziario: generalmente si arriva in questa fase quando l’estrazione del petrolio diventa più difficile. Quindi non si fa altro che iniettare sostanze chimiche, gas, acqua nel serbatoio per far aumentare il flusso naturale del petrolio grezzo.

Inflazione del Petrolio

L’inflazione e il prezzo del petrolio sono generalmente dipendenti in una relazione causa-effetto.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Perciò quando i prezzi del petrolio diminuiscono o aumentano, anche l’inflazione segue la stessa direzione. Questo accade perché il petrolio è molto importante nell’economia, come ben si sa è utilizzato in attività come il riscaldamento delle case, e il rifornimento di carburante. Quindi se i costi di produzione aumentano, di conseguenza anche i costi dei prodotti finali aumenteranno.

Ad esempio, se il prezzo del petrolio sale, aumenterà anche il costo di fabbricazione della plastica la quale passerà poi tutto o parte di questo costo al consumatore. Questo causerà l’aumento dei prezzi e perciò dell’inflazione. Già dagli anni ’70 fu evidente la relazione diretta tra petrolio e inflazione. A causa della crisi petrolifera del 1973 e del 1979 il costo del petrolio passò da 3,00 dollari a circa 40,00 dollari. Comunque la forte correlazione tra l’inflazione e i prezzi del petrolio che si è verificata negli anni ’70 è andata man mano a diminuire.

Grafico andamento quotazione Petrolio

Investire in ETC Petrolio

Diversi anni fa a causa della forte domanda da parte degli investitori furono sviluppati gli ETC (Exchange Traded Commodities). All’inizio la domanda degli investitori semplicemente riguardava l’accesso alle materie prime. Gli ETC permettevano di fare ogni tipo di operazione, ad esempio con esposizione corta o lunga, o perfino anticipata. A oggi la conoscenza degli investitori riguardo alle materie prime e agli investimenti ha fatto dei passi avanti.

Per il fatto che gli ETC sono indirettamente e direttamente prezzati sui futures su materie prime consentono di mettere a disposizione degli ETC un’esposizione a differenti sezioni della curva dei futures.

Effettivamente gli ETC petrolio danno la possibilità agli investitori di prendere delle posizioni, ad esempio corte, lunghe e anche di poter scegliere quale parte della curva dei futures petroliferi desiderano ottenere. Quando il Trader effettua degli investimenti in ETC su petrolio con diverse scadenze lo porterà a ottenere profitti e proprietà di investimento diversi. Questo porta anche, ad esempio alla costruzione di portafogli più ottimali. Solitamente gli ETC del petrolio dipendono dal prezzo spot del petrolio, ma gli ETC con più breve scadenza dipendono ancora di più dal prezzo spot del petrolio.

Questo è dovuto al fatto che gli accadimenti, come un problema in una raffineria di petrolio, che influenzano il prezzo del petrolio hanno sicuramente meno effetto sugli ETC con lunga scadenza, ad esempio di tre anni. Gli eventi invece che possono andare a influenzare i prezzi del petrolio a lungo termine sono ad esempio l’aumento della domanda da parte delle economie emergenti.

Come fare Trading sul Petrolio con i CFD

Negli ultimi anni i CFD (Contratti per Differenza) del trading di petrolio greggio si sono diffusi sempre più. Questo è dovuto al fatto che il trading CFD offre una serie di vantaggi in confronto ad altri strumenti finanziari. I mercati del petrolio greggio quando subiscono periodi di estrema volatilità, diventano più allettanti per gli investitori di tutto il mondo.

Grazie ai derivati come i Contratti per Differenza anche i piccoli investitori possono tentare la fortuna nei mercati delle materie prime. A differenza degli altri metodi che permettevano di acquistare e vendere petrolio solo agli investitori professionisti.

Il petrolio greggio è una delle materie prime più importanti e costantemente scambiate sui mercati finanziari.

Si tratta di un combustibile fossile non raffinato da cui vengono distillati prodotti petrolchimici come il gasolio e la benzina. Solitamente gli investitori non tendono ad acquistare petrolio greggio con l’intento di prendere possesso dei barili cosiddetti di “oro nero”. Per fare ciò ci sarebbe bisogno di una notevole quantità di capitale.

Principalmente ci sono due modi per scambiare il petrolio, ovvero i futures e CFD. I Trader possono anche decidere di acquistare azioni in società energetiche quotate che sono coinvolte nella raffinazione di prodotti grezzi e nel settore minerario.

I trader per fare trading CFD su petrolio utilizzano broker di fiducia. In questo modo godono di molti vantaggi come la leva finanziaria. Inoltre il mercato dei CFD del petrolio è reputato più liquido grazie proprio alla sua diffusa accessibilità. Fare trading CFD su petrolio significa puntare sull’acquisto se si pensa che il prezzo del petrolio salirà, oppure si può puntare sulla vendita se si pensa che il prezzo del petrolio scenderà.

Migliori Piattaforme (Broker) Trading online (Testati dal nostro Staff!)

Piattaforme per il Trading in: Forex, CFD e Criptovalute

Broker Caratteristiche* Conto Demo*
BROKER DEL MESE ✓

Deposito minimo: 200€
Conto Demo di 100.000€!
Apri conto Demo Gratuito!
Il 66% dei conti CFD al dettaglio perde denaro eToro Recensione
Social Trading Deposito minimo: 100€
“100% Affidabilità”
Apri conto Demo Cratuito! Markets Recensione Deposito minimo: 10€
Fai trading con soli 10€!
Trade minimo: 1€
Apri conto Demo Gratuito! IQ Option Recensione Licenza: CySEC – FCA – KNF
Nessun Deposito minimo!
Conto Demo di 100.000€!
Apri conto Demo Gratuito! XTB Recensione Deposito minimo: 100€
Conto Demo di 40.000€
Apri conto Demo Gratuito! Plus 500 Recensione

*Avviso di rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.
Le migliori piattaforme di trading online presenti nella lista sono tutti certificati e autorizzati da CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission).
*Conto Demo: Per beneficiare del conto demo e fare trading senza soldi veri sui Brokers elencati va effettuato il primo deposito con soldi veri che rimarranno chiaramente a disposizione del trader iscritto.

Strategia di trading online sul Petrolio

Per un trader è importante imparare a fare trading come un professionista e investire, in particolare modo sul petrolio.

Di solito il mercato del petrolio è molto amato dagli operatori professionisti che vogliono trovare occasioni di profitto.

Inoltre questo tipo di mercato è ad alta liquidità. Molto spesso chi fa trading su petrolio lo fa per coprire l’esposizione del portafoglio da possibili grandi oscillazioni del mercato. Questi normalmente speculano sulla direzione del prezzo del petrolio a breve termine. Chi cerca di negoziare nel mercato del petrolio ha bisogno sicuramente di una propria strategia che gli permette di ottenere dei buoni guadagni.

Deve essere una strategia che funzioni a un alto livello, se si vuole sopravvivere al trading di petrolio. E’ bene sapere che per comprendere nel modo migliore il movimento del prezzo del petrolio si deve anche essere interessati ai diversi fattori che influenzano tale valore. Ad esempio i bilanci di approvvigionamento e domanda di petrolio possono alterare e cambiare la tendenza del petrolio.

Quindi è importante controllare costantemente la previsione della produzione di petrolio e le prospettive di consumo che possono dare sicuramente un vantaggio in più. Non solo bisogna fare attenzione anche ai rischi geopolitici, ad esempio tutto quello che succede in Iran può influenzare in maniera negativa la produzione del petrolio. Un altro aspetto molto importante da tenere in considerazione è il modello stagionale. E’ stato notato che il prezzo del petrolio tende a salire nel mese di agosto a causa della stagione estiva, e tende a diminuire verso la metà del mese di settembre e ottobre.

Si è visto anche che il dollaro USA influenza il prezzo del petrolio. Solitamente quando il dollaro USA è più forte i prezzi del petrolio tendono a calare, invece quando il dollaro USA è più debole i prezzi del petrolio tendono a salire. Si consiglia quindi di sviluppare una strategia di Trading online su petrolio che si dimostri costantemente affidabile. E’ bene che superino la prova del tempo e che possano effettivamente aiutare a commerciare come un trader professionista.

Fare trading CFD con il broker eToro

Trading online demo con il broker eToro

La piattaforma eToro è un broker serio e affidabile certificato dai più rigidi Enti di controllo come la CySECe la FCA. Tramite questo broker è possibile fare trading su vari mercati tra cui anche le Materie Prime che ne troviamo a disposizione 6 tra cui il Petrolio. Si può contrattare sul prezzo del Petrolio tramite i prodotti derivati CFD, i CFD sono un’ottimo modi di fare trading online.

L’iscrizione ad eToro prevede un deposito di 200 Euro, una volta caricato questo importo si potrà accedere alla piattaforma, alla sezione formativa e a tutte le funzionalità del broker.

Il broker eToro è molto apprezzato al livello mondiale per varie caratteristiche ma principalmente per una funzione, la funzione Copy trader, ovvero una funzione che permette ai trader di copiare i trader “famosi” Tutto questo avviene tramite la piattaforma Social di eToro, si perché eToro è il primo broker di trading online ad aver attivato la funzione Social.

VIDEO: Come funziona il Social Trading

Per i trader che per iniziare vogliono solamente capire come fare trading online eToro mette a disposizione la possibilità di iscriversi ad un conto demo. Il conto demo è un conto totalmente gratuito che permette ai trader di fare esperienza in modo simulato, riproducendo tutte le contrattazioni ma virtualmente.

Fare trading CFD con il broker 24Option

Trading online Demo con il broker 24option

Fare trading CFD sulle Materie Prime con 24Option è una scelta pertinente, questo broker è certificato dalla CySEC e per questo affidabile e trasparente. Sponsor ufficiale della Juventus questo broker si distingue sia per la sua piattaforma intuitiva e semplice da usare, che per le concorrenziali offerte. Per iscriversi a 24Option è necessario depositare un minimo di 100 Euro, dopodiché sarà possibile accedere a tutte le funzioni di questo broker. L’offerta di 24Option è molto ampia, infatti diversifica 4 tipologia di conti: Il conto Base, Oro, platino e VIP. Questi 4 conti hanno delle caratteristiche e costi differenti, ad esempio il conto Base ha al suo interno la possibilità di seguire 1 lezione base ma nessun Webinar, invece nel conto VIP c’è la possibilità di fare 5 Webinar al mese.

Per quanto riguarda i depositi e i prelievi questo broker si avvale dei più efficienti e sicuri metodi, tra cui Bonifico bancario, Carte di credito.

Se invece si vuole fare pratica si può iniziare con il conto demo, che è un conto totalmente gratuito, dove si possono fare tutte le operazioni di trading in modo virtuale.

Fare trading CFD con il broker iQ Option

Recensione opinioni broker iqoption

Questo broker è molto famoso nel vecchio continente e apprezzato maggiormente in Gran Bretagna, IQ Option nasce nel 2020 dal fondatore Dmitry Zaretsky, da quel momento iQ Option ha sempre lavorato per migliorare la propria performance. Questo broker si contraddistingue dagli altri per il semplice fatto che è veramente molto concorrenziale al livello economico, ovvero è possibile fare investimenti partendo da 1 Euro, con un deposito minimo sul conto di soli 10 Euro.

Fare CFD con iQ Option è molto semplice e vantaggioso, infatti la piattaforma è facile da usare e i CFD sono dei prodotti alla portata anche dei trader più inesperti. Per chi volesse iQ Option mette a disposizione 5 tipologie di Materie Prime: Oro, petrolio, Grano, Platino. Il mercato delle materie prime è un mercato particolare nel quale è molto importante avere cenni di analisi fondamentale e tecnica per capire gli andamenti futuri, le materie prime si rifanno molto agli andamenti stagionali, e per questo i loro prezzi sono legati ad esse.

E’ possibile fare pratica tramite il conto demo di iQ Option, questo conto ci permette di fare esperienza e comprendere le varie strategie di trading CFD.

Fare trading CFD con il broker XTB

Piattaforma di trading XTB

La piattaforma XTB è un broker di altissimo livello, sia per quanto riguarda i requisiti tecnici che per quanto riguarda la formazione rivolta ai propri utenti. XTB è sul mercato da più di 15 anni, questo broker è certificato dai più importati Enti di controllo finanziario. Questa piattaforma è adatta a fare trading CFD sulle materie prime.

Quando entriamo all’interno della piattaforma possiamo scegliere su quale materia prima andare a contattare con i CFD. In tempo reale avremo tutti i cambiamenti di prezzo, in modo da monitorare i nostri investimenti.

Come dicevo in precedenza questo broker è molto attento alla formazione, infatti dedica una sezione speciale dove i trader potranno seguire moltissimi corsi di vari livelli.

Inoltre XTB che è sempre attento alle esigenze dei suoi utenti, offre due conti differenti, il primo il conto Standard è un conto rivolto a utenti non professionisti, invece il conto Pro viene studiato per utenti più esperti nel settore, la differenza tra i due conti è inerente al tasso dello Spread e alle commissioni.

XTB oltre che alla possibilità di scegliere tra questi due conti, offre una terza possibilità a chi sceglie di entrare nel mondo del trading. la terza opportunità è di iscriversi al conto demo, un conto totalmente gratuito dove il trader potrà fare esperienza nel settore, da ricordare che il conto demo di XTB dura 30 giorni.

Fare Trading CFD sul Petrolio con Markets.com

Piattaforma trading Markets.com

Markets.com è una piattaforma dove è possibile fare Trading in CFD. E’ regolata sia a Cipro che in Sud Africa. I clienti europei sono protetti da Cipro Securities and Exchange Commission (CySEC) e l’account dei clienti è protetto fino a €20.000 nel caso l’azienda fallisse.
Essere regolamentati a Cipro è considerato un ottimo segnale quando si parla della sicurezza del broker. In questo senso Markets.com ha fatto dei passi molto importanti per diventare un broker trasparente. Invece i clienti sudafricani non hanno nessuna protezione e sono protetti dalla Financial Services Board (FSB). Fu acquistata nel 2020 da Playtech. Si tratta di una società di sviluppo di software per il Trading online. Negli ultimi tempi Markets.com ha subito dei miglioramenti, ed è diventato un broker CFD affermato. Inoltre Playtech acquisiì TradeFX che a sua volta possiede Safecap Investments Limited, che è la società di Cipro che dirige Markets.com.

La piattaforma Markets.com offre una delle migliori tariffe per il trading di CFD. Si può ottenere una protezione del proprio saldo negativo, e il requisito minimo di finanziamento è di soli €100.

Quando si parla di protezione del proprio saldo negativo significa che il Trader non può perdere più di quello che ha nel proprio account. Questo potrebbe sembrare scontato, ma non tutti i broker lo garantiscono. Il processo di apertura dell’account è molto veloce e semplice. In particolare questa può essere una piattaforma consigliata per i Trader che hanno voglia di avventurarsi nel Trading di CFD.

Leggi la nostra recensione completa sul broker Markets.com opinioni.

Vantaggi di fare trading CFD con markets.com

Con Markets.com si possono effettuare transazioni in CFD, ad esempio su azioni, materie prime, Forex, e criptovalute.

E’ leader nel suo settore, e offre servizi di trading trasparenti e sicuri. La piattaforma oltre alla sicurezza e alla trasparenza delle sue transazioni sul mercato azionario, offre ai trader transazioni senza commissioni. Inoltre l’esecuzione degli ordini è molto veloce. Solamente con un deposito minimo di 100 euro, i Trader possono iniziare a operare con il Trading online e i benefici sono molto interessanti. Markets.com offre anche molti altri vantaggi come, ad esempio il conto di prova è gratuito e illimitato e consente agli investitori di non avventurarsi ciecamente.

Per i loro investimenti hanno da subito a disposizione 10.000 euro virtuali.

In questo modo gli investitori ricevono una formazione creata su misura in qualsiasi momento. Inoltre organizzano seminari pensati sia per guidare e assistere i trader, che per rassicurarli sull’integrità del sito. Tutto questo è realizzato per garantire un’esperienza di trading di successo. Chi decide di investire con Markets.com decide di farlo su una piattaforma sicura e certificata.

A oggi la sua reputazione è già più che ben consolidata, ma ciò non gli impedisce di andare avanti migliorandosi per essere sempre più efficiente.

Se si è un Trader principiante e si vuole trarre subito il meglio dalla piattaforma si consiglia di iniziare con il Conto Demo. In questo modo si ha la possibilità sia di esercitarsi, e sia di imparare a conoscere e utilizzare la piattaforma.

Tabella Correlazioni Forex, Oro, WTI e Indici Globali

Ecco la tabella correlazioni forex, oro, petrolio WTI e indici globali. Nota: c’è una tabella correlazioni forex parziale ed una completa!

1° tabella correlazioni forex (parziale): principali correlazioni forex

2° tabella correlazioni forex (completa): principali correlazioni forex, oro, petrolio WTI e principali indici globali

Questa seconda tabella correlazioni forex include i cross del forex visti nella precedente tabella + oro, petrolio WTI, e principali indici azionari globali.

Per sbloccarla ti chiedo qualcosa di semplicissimo, che a te non costa veramente nulla: aggiungere un like di Facebook connesso alla pagina home di Il Trading Per Te. Puoi farlo direttamente dal seguente box.

Se visualizzi la seconda tabella vuol dire che hai già messo il like di Facebook alla pagina home del sito.

Grazie mille davvero!

Quali correlazioni include la tabella correlazioni forex

Nella tabella correlazioni forex completa trovi le correlazioni di prezzo tra gli asset finanziari più comuni per fare trading.

Le correlazioni presenti nella tabella correlazioni forex completa riguardano 18 asset finanziari. Sono le correlazioni forex sui cross del forex più rilevanti, sull’oro, sul petrolio WTI, e sugli indici globali più importanti.

In particolare, i 18 asset sono:

– Principali cross del forex: EUR/USD, GBP/USD, USD/JPY, USD/CAD, AUD/USD, NZD/USD, USD/CHF

– Principali indici di mercato globali: S&P 500, NASDAQ 100, DOW JONES INDUSTRIAL AVERAGE 30, EURO STOXX 50, FTSE MIB 40, DAX 30, CAC 40, FTSE 100, NIKKEI 225

– Oro e petrolio WTI

Cosa sono le correlazioni

Le correlazioni in statistica sono delle relazioni tra due variabili (nel nostro caso, i prezzi degli asset finanziari) per cui a ciascun valore della prima variabile (il prezzo di un asset finanziario) corrisponde con una certa regolarità un valore della seconda variabile (il prezzo di un altro asset finanziario).

Non si tratta di un rapporto di causa-effetto. Si tratta semplicemente della tendenza del comportamento di una variabile di variare in funzione del variare di un’altra variabile.

Una correlazione è diretta o positiva quando al variare di una variabile in un direzione anche l’altra varia nella stessa direzione. Per esempio, ad un rialzo del cross AUD/USD corrisponde un rialzo dell’oro.

Una correlazione è indiretta o inversa o negativa quando al variare di una variabile in un direzione l’altra varia nello direzione opposta. Per esempio, una tipica correlazione forex negativa è che a un rialzo dell’EUR/USD corrisponde un ribasso dell’USD/CHF.

Il grado di correlazione può assumere un valore compreso tra -1 e +1

Per la lettura della tabella correlazioni forex precedente, tieni a mente che:

– Una correlazione di +1 indica che i due asset hanno una correlazione diretta assoluta

– Una correlazione di -1 indica che i due asset hanno una correlazione inversa assoluta

– Quando una correlazione è maggiore di 0.65, vuol dire che i due asset hanno una correlazione diretta rilevante

– Quando una correlazione è minore di -0.65, vuol dire che i due asset hanno una correlazione inversa rilevante

– Un correlazione compresa tra -0.65 e +0.65 indica che i due asset hanno una correlazione (diretta o inversa) irrilevante

Se non hai capito cosa sono le correlazioni, dai un’occhiata a questo breve video della Treccani…sicuramente loro saranno un po’ più chiari di me!

Il video prodotto da Treccani Scuola su che cos’è una correlazione è il seguente:

Informazioni sulla tabella correlazioni forex

Le correlazioni della tabella correlazioni forex sono calcolate prendendo come base temporale di riferimento il periodo di un anno e usando come base di calcolo la scadenza settimanale degli asset interessati

Forza Trading aggiorna la tabella correlazioni forex ogni inizio del mese.

Nella tabella correlazioni forex i valori superiori a 0.65 sono presentati in verde e rappresentano le correlazioni positive significative, quelli inferiori a -0.65 sono presentati in rosso e rappresentano le correlazioni negative significative.

Brevi cenni su storiche correlazioni forex, oro, WTI e di indici globali

Di seguito trovi una super sintesi di quali sono le correlazioni più importanti e storiche sui principali asset finanziari, le correlazioni forex in primis.

Correlazioni forex su EUR e USD

La correlazione forex inversa tra EUR/USD e USD/CHF rappresenta la correlazione forex più certa e stabile degli ultimi anni, praticamente mai intaccata. Se la stima per il fiber è short, quella per lo swissy è long, e viceversa. Nulla ha mai rotto questa correlazione forex.

L’USD è di norma inversamente correlato con materie prime e metalli preziosi. Il motivo madre è che le materie prime e i metalli preziosi sono quotati in dollari.

Dunque in linea teorica (ed anche pratica, è quello che succede) quando il dollaro si indebolisce gli operatori “sfruttano” questa debolezza per comprare più materie prime o metalli preziosi, che quindi aumentano di valore.

Tuttavia, queste correlazioni dell’USD sono abbastanza volatili nel corso dei mesi.

Per esempio, la correlazione inversa tra USD e oro è stata rilevante nell’ultimo anno, quella con il WTI meno.

Correlazioni forex sul GBP

Le correlazioni del GBP si sono un po’ “alterate” negli ultimissimi anni, per colpa o merito della Brexit. Per esempio, la correlazione positiva che in passato il GBP aveva con il WTI è di fatto venuta meno.

Le correlazioni recenti del GBP svelano infatti che la valuta è stata correlata inversamente con l’oro (e con le connesse correlazioni forex di AUD e NZD che seguono l’andamento dell’oro) e con il JPY. Ciò è del tutto logico. JPY e oro sono i due beni rifugio per eccellenza. Dunque negli ultimi tempi quando la sterlina crollava per le turbolenze pre e post Brexit, questi beni rifugio si apprezzavano.

Questi trend di correlazione stanno continuando, e credo ci vorrà un po’ di tempo per tornare a una situazione di normalità.

Mi potresti aggiungere un like di Facebook anche a questa pagina?

Correlazioni forex sul JPY

Come detto, lo JPY è la valuta rifugio per eccellenza. Oro, CHF e JPY sono i tre principali asset finanziari rifugio. Ciò vuol dire che essi si apprezzano quando ci sono delle turbolenze sui mercati globali ed in periodi di crisi, mentre si deprezzano in caso di rally al rialzo dei mercati globali.

Semplicemente, il JPY è dunque correlato positivamente con oro, CHF, NZD e AUD (perchè NZD e AUD seguono spesso l’andamento dell’oro).

Correlazioni forex sul CAD

Il CAD è la valuta correlata positivamente al petrolio per eccellenza.

Da sempre il cambio segue l’andamento del WTI, visto che il Canada è uno dei principali produttori di petrolio al mondo.

Anche l’oro e molte materie prime presentano una correlazione positiva con il CAD, anche se in minor misura rispetto al WTI.

Correlazioni forex su AUD e NZD

Come detto, le valute AUD, NZD, CHF, oro e JPY sono tutte positivamente correlate tra loro e rappresentano degli asset rifugio.

Correlazioni sui mercati globali

In linea di massima, le valute si possono dividere in “aggressive” o “rifugio” a seconda delle loro correlazioni con i vari mercati globali.

Valute come EUR, USD, GBP, e CAD si rafforzano in periodi di rialzo dei mercati finanziari globali e viceversa.

Valute come JPY, AUD, NZD e CHF si rafforzano in periodi di ribasso dei mercati finanziari globali e viceversa.

Inoltre, in linea generale EUR, GBP e JPY si deprezzano quando i loro mercati azionari di riferimento si muovono al rialzo. L’USD, invece, di solito è abbastanza neutrale rispetto all’andamento del suo mercato azionario di riferimento.

Infine, il WTI è correlato positivamente con i mercati americani e con quello britannico.

L’oro, invece, è correlato negativamente con i mercati europei e con quello giapponese.

Forex Trading: Le Correlazioni Con Petrolio e Oro

Uno degli errori commessi da chi fa forex trading è, per assurdo, concentrarsi solo sul mercato Forex dimenticando che una coppia di valute può essere influenzata da diversi altri fattori. Uno dei metodi più comuni per trovare una correlazione tra i mercati è utilizzare i “metalli”, principalmente oro e petrolio, per prevedere i movimenti delle valute. Se ci pensate, il concetto è abbastanza semplice: se il produttore di una certa materia prima la vende ad un investitore o azienda straniera, vorrà essere pagato in valuta locale. Ecco perché usando un po’ di buon senso e spirito d’osservazione si può prevedere l’andamento, sul lungo periodo, di una determinata coppia di valute.

In questo articolo si parla di:

Forex Trading: L’Importanza di Oro e Petrolio

Per capire questo concetto, pensiamo in particolare al petrolio. Uno dei maggiori produttori di petrolio al mondo è il Canada e lo esporta soprattutto negli Stati Uniti, che oggi rappresentano il maggior consumatore di greggio. Detto questo, se possiamo immaginare un grande consumatore o catena di distribuzione statunitense acquistare petrolio canadese, cosa dovrebbe accadere? Semplicemente, l’azienda americana dovrà scambiare Dollari statunitensi con Dollari canadesi, così da poter pagare la società petrolifera canadese. E il cambio, ovviamente, avrà conseguenze sul flusso di denaro, che uscirà dagli USA per finire in Canada. Questo significa che all’aumento della domanda di petrolio, il dollaro canadese si rafforzerà perché sempre più persone vorranno spingere il prezzo del petrolio in alto, così da aggiudicarselo. E facendo questo, dovranno utilizzare sempre più Dollari canadesi per l’acquisto. Inoltre ci saranno nel complesso più consumatori, il che ovviamente equivale a dire che in tutti i casi vedremo più transazioni a favore del paese produttore. Ma oggi esistono anche altre valute strettamente correlate al petrolio, come ad esempio il Rublo russo, il Real saudita e la Corona norvegese. Tuttavia, il Dollaro canadese è senza dubbio la valuta più liquida su cui fare forex trading.

Altra correlazione “pesante” con il mercato forex riguarda l’oro e il Dollaro australiano. Pochi sanno infatti che l’Australia è il maggiore e più importante esportatore al mondo di questo metallo prezioso. Il processo è lo stesso del mercato petrolifero, ma in questo caso i trader che vorranno acquistare più oro saranno alla fine costretti ad entrare in affari con l’Australia. Le società minerarie australiane, ovviamente, vorranno essere pagate in Dollari australiani. Questo significa che, man mano che il valore dell’oro salirà, aumenterà anche il valore della valuta locale.

Oro, Petrolio e Dollaro USA

Altro elemento interessante da considerare è che sia l’oro che il petrolio vengono oggi quotati in Dollari USA. Questo significa che il valore del dollaro americano può scendere “naturalmente”: ci vogliono più Dollari per acquistare una di queste materie prime man mano che il suo valore aumenta. Certo, non sempre è così. Ma di solito questo è ciò che accade nei mercati. Anche se non sono mai del tutto uguali, se sovrapponiamo il grafico dell’oro a quello della coppia AUD/USD possiamo vedere come nel tempo petrolio ed oro tendono a lavorare insieme. Si può dire lo stesso della coppia USD/CAD e dei mercati petroliferi. Questo cross valutario, tuttavia, si muove in maniera inversa: scende quando il Dollaro canadese sale, e viceversa.

Conclusioni

Quando si fa forex trading sulle valute correlate a petrolio e oro, si può notare come qualche volta i mercati delle materie prime si muovono in netto anticipo. Se uno dei due fa un movimento, spesso vedrete l’altro seguirlo a breve distanza. Questa informazione può rivelarsi molto utile per i trader che riescono a seguire più mercati allo stesso tempo.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie: vero o falso?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: