Segnali negativi dagli USA – L’analisi dai mercati

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Segnali negativi dagli USA – L’analisi dai mercati

Trading online

in Demo

Fai Trading Online senza rischi con

un conto demo gratis illimitato:

puoi operare su Forex, Borsa,

Indici, Materie prime e Criptovalute.

ANALISI PREZZI IN TEMPO REALE

(leggi come avere le notifiche in tempo reale del ” trend dei traders “)

OPINIONI BROKER OPZIONI FX

**Le opzioni sono disponibili solo a clienti professionisti o non residenti in EEU.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

OPINIONI BROKER CFD & FOREX

Tutte le guide e articoli:

Archivio Blog 2020

IPO in calo, altro segnale dai mercati

Secondo il Cross Border IPO Index redatto da Baker McKenzie, nel primo semestre del 2020 le operazioni di offerta al pubblico dei titoli di una società (IPO) sono calate, a livello globale, del 37% su base annua.

Nelle 519 operazioni di raccolta capitali registrate, sia interne ai vari mercati nazionali che internazionali (cross-border), sono stati raccolti 69,8 miliardi di dollari, il livello più basso dal 2020 ad oggi; ben al di sotto delle attese del precedente report di Baker McKenzie.

Decidere di quotarsi ha molto a che vedere con la fiducia nell’evoluzione dei mercati, ed in questi mesi la fiducia è stata messa a dura prova dalle vicende economico-politiche internazionali. Le tensioni commerciali USA-Cina, il lungo periodo di shutdown governativo USA tra fine 2020 ed inizio 2020 ed una sempre più incerta gestione della questione Brexit, sembrano aver indotto molte società ad attendere qualche schiarita prima di fare il grande passo, raccogliere capitali e quotarsi in borsa. A questi fattori si sono aggiunte preoccupazioni sempre più consistenti su una possibile entrata in recessione dell’economia globale nel 2020.

Pur intravedendo un sottofondo positivo per i prossimi mesi, l’analisi di Baker McKenzie mette in evidenza come le difficoltà maggiori alla nascita di nuove IPO siano venute soprattutto dalla zona europea e dalla Cina. Complici le difficoltà sulla Brexit ed un quadro macroeconomico in netto rallentamento, le operazioni su base nazionale sono calate in Europa del 57%, con la raccolta di capitali scivolata del 64% rispetto all’anno precedente.

Un dato su tutti è quello del mercato interno inglese. Le IPO nei primi 6 mesi del 2020 sono state 13, contro le 38 dello stesso periodo del 2020. Il capitale raccolto, sempre rispetto al primo semestre dell’anno scorso, è crollato del 46%. Livelli che, al di là della Manica, non si vedevano da 10 anni a questa parte.

Se la zona europea non ha brillato, a livello globale non è andata meglio. Le operazioni a carattere nazionale sono calate complessivamente del 32%. Solo gli USA hanno tenuto, con un +13% nella raccolta di capitali ma con un volume di operazioni in calo (complice lo shutdown che ha coinvolto anche la SEC, la “Consob” a stelle e strisce).

Dicevamo che sul dato pesano anche le difficoltà della Cina. Ciò è evidente soprattutto nelle operazioni su base internazionale. Aspetto, questo, molto interessante, che certifica come il gigante asiatico subisca un clima di diffidenza internazionale. Il capitale raccolto dalle società cinesi è letteralmente crollato dai 15,5 miliardi di dollari del primo semestre 2020, agli 8,8 miliardi dei primi 6 mesi del 2020. Un tonfo di oltre il 40%. Interessante anche il dato sui capitali cinesi raccolti da società estere. Pur rimanendo uno dei principali mercati di “approvigionamento”, le sole società USA hanno visto assottigliarsi la raccolta del 62%, appena 3,3 miliardi di dollari.

Una situazione di grande incertezza che si riverbera sull’indice elaborato da Baker McKenzie. Il Cross Border IPO Index scende di 10 punti percentuali rispetto alla lettura precedente ma, sottolinea lo studio, si mantiene su livelli piuttosto elevati, registrando il secondo dato più alto dal 2020.

Numeri che sembrano confermare la fragilità del quadro internazionale, anche se nel report c’è ottimismo sulla seconda parte dell’anno. Molto probabilmente la definitiva soluzione di alcuni nodi (dazi e brexit) potrebbe permettere a società ed investitori di riprogrammare i loro progetti e tornare a confrontarsi su mercati un po’ più sereni.

Mercati finanziari: occhio ai segnali dagli USA

In questo periodo di grande incertezza anche i trader migliori fanno fatica a prevedere quella che potrebbe essere la direzione dei mercati finanziari da qui a qualche mese. Anche un orizzonte temporale di medio periodo, infatti, rischia di essere troppo complesso da gestire, in un’ottica di mercato dove già si parla di nuovi possibili QE in america o in asia.

E proprio all’America molti guardano con grande apprensione in quanto tutti e 3 gli indici azionari di riferimento hanno realizzato quella che viene chiamata la “croce della morte”. Come spesso accade in finanza, questo nome epico sta a simboleggiare una configurazione ribassista. Per chi non la conoscesse va detto che la croce della morte vi è quando la media mobile a 50 sedute di un indice buca al ribasso la media a 200 giorni.

Segnale ribassista per gli indici di borsa americana

Va detto che questo segnale è apparso contemporaneamente su tutti e 3 gli indici americani (Nasdaq, S&P500 e Dow Jones) solo 13 volte nel corso degli ultimi 35 anni. Nella maggior parte dei casi i mercati hanno dovuto sopportare una fase di breve periodo ribassista, per poi tornare a salire superando le quotazioni di partenza. Nel complesso, quindi, anche stavolta si potrebbe verificare lo stesso percorso specialmente se, come si vocifera, arriveranno degli interventi da parte delle banche centrali.

Ma come possiamo sfruttare queste opportunità nel trading online?

Come possiamo essere sempre informati su ciò che riguarda l’analisi tecnica anche se non abbiamo tempo o capacità di analizzare costantemente tutti gli asset di nostro interesse? Il consiglio che possiamo dare è quello di avvalersi di segnali per il trading, siano essi per le opzioni binarie, per i cfd o per il mercato forex.
I segnali per il trading si rivolgono a chi non ha le competenze tecniche per svolgere un’approfondita analisi tecnica o per chi investe sui mercati per passione e non ha modo e tempo di seguire tutto il giorno l’andamento dei vari asset.

I vantaggi sono:

  • risparmio di tempo
  • confronto tra professionisti
  • piano di trading ben strutturato nel tempo
  • risultati con profitti costanti nel tempo

Va detto anche che i segnali sono uno strumento utilizzato sia dai trader amatoriali che da professionisti che, magari, vogliono incrociare le proprie analisi con quelle di altri trader di spicco per fare delle valutazioni ancora più precise e aumentare le probabilità di successo dei propri investimenti.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie: vero o falso?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: