Perche un Hammer molto spesso indica un inversione del trend

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Contents

Hammer

L’ hammer è un pattern di inversione dell’analisi candlestick, composto da una sola candela. Rientra tra i pattern che non hanno necessità di essere confermati dalle candele successive, nei limiti che diremo.

Si tratta di un pattern facilmente identificabile dalla presenza di un corpo molto piccolo e da una lunga shadow che deve avere una lunghezza almeno doppia rispetto al corpo.

Questo pattern è identificabile dopo un downtrend e spesso preannuncia una imminente inversione del mercato, ovvero un’area di prezzo in cui compratori cominciano a fronteggiare e resistere ai venditori fino a prendere poi il sopravvento.

Il colore del pattern non è molto rilevante, ma un corpo bianco (open minore di close) ha una rilevanza un po’ più rialzista (più bullish) rispetto al corpo di colore nero.

Si diceva che si tratta di un pattern che non ha necessità di conferme derivanti da candele successive, come invece succede per altri pattern candlestick. Una successiva seduta fortemente rialzista sancisce l’inversione del trend. Dal pattern non è invece dato ricavare alcuna indicazione sulla durata dell’inversione, rinvenibile invece dal contesto generale.

Ecco come si presenta il pattern:

Riassumiamo le condizioni che consentono di classificare il pattern come “hammer”:

  • La shadow deve essere almeno doppia rispetto al corpo
  • Il corpo si deve trovare alla sommità della shadow. Il colore della candela non è rilevante ma un corpo positivo rivela una tendenza più bullish
  • Il pattern ideale è privo di shadow superiore che, se è presente, deve comunque essere di ridotte dimensioni
  • Una successiva candela molto positiva confermare in via definitiva il pattern

Rafforzamento del segnale:

  • La formazione del pattern in prossimità di zone di supporto
  • La presenza di un gap nella candela successiva
  • Un forte incremento del volume durante la formazione dell’hammer
  • Più lunga è la shadow più è potente il segnale di inversione

Contesto generale e aspetti psicologici del pattern:
Siamo in presenza di un solido downtrend e il sentiment degli operatori è molto negativo. Il downtrend prosegue, segno che i ribassisti hanno il controllo della situazione, ma ad un certo punto, evidentemente perché i prezzi sono ritenuti eccessivamente “a sconto”, cominciano a verificarsi acquisti in modo massiccio che spingono il prezzo verso la parte superiore del range della candela.

Il ritorno degli acquisti contribuisce a creare un piccolo corpo e una shadow molto pronunciata. Questa situazione indica che i ribassisti non riescono a mantenere il controllo del mercato; non appena i prezzi si portano, nella seduta successiva, al di sopra del massimo dell’hammer, abbiamo una forte indicazione del fatto che i rialzisti hanno preso il sopravvento. Una seduta positiva, immediatamente successiva alla formazione dell’hammer, ci da infine la definitiva conferma dell’inversione del trend.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Vediamo un primo esempio sul grafico daily di Kraft, dove la formazione dell’hammer ha dato il via ad una brusca e prolungata inversione del trend.

Nell’esempio che segue assistiamo alla formazione di un hammer su grafico intraday a 5 minuti su American Express che si forma proprio in chiusura di seduta. Il giorno seguente l’apertura con un forte lap-up non da la possibilità di entrare sul titolo.

Molti operatori, proprio ad evitare di restare fuori dal trade, anticipano l’ingresso ed entrano in acquisto proprio mentre si sta formando la shadows inferiore (coda). Ovviamente il rovescio della medaglia è che il giorno seguente vi sia una apertura in gap down e che il trend ribassista prosegua spiazzando completamente gli acquirenti.

Un altro esempio sul grafico che segue, sempre su American Express su time frame 60 minuti.

In questo caso prima del close di giornata è possibile entrare in posizione e restare overnigth forti del gain procurato dal forte rialzo che ha fatto seguito alla formazione dell’hammer. Nelle giornate successive il trend prosegue con una forte accelerazione.

Concludendo possiamo affermare che, come per altri pattern, più ampio è il time frame utilizzato, maggiore è l’affidabilità dell’hammer. Non bisogna dimenticare, infatti, che l’analisi candlestick è nata per una operatività su base daily, se non addirittura weekly. Ciò non toglie che, come abbiamo visto nei grafici precedenti, il pattern possa essere utilizzato anche per un trading intraday, su grafici orari e anche su time frame a 5 minuti.

In queso caso, un indicatore e/o oscillatore quale, a puro titolo di esempio, lo stocastico o l’RSI atti ad evidenziare le zone di ipervenduto del mercato, potranno essere utilizzati ad ulteriore conferma della affidabilità dell’hammer.

Partecipa ai nostri webinar

Vai al calendario e scegli l’argomento che ti interessa approfondire insieme ai nostri esperti, tra cui Bruno Moltrasio.

Cosa aspetti? Apri un conto

Aprire un conto è totalmente gratuito e in pochi minuti sarai pronto a fare trading.

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

In alternativa puoi scriverci all’indirizzo email [email protected]

Conto demo

Esplora la nostra piattaforma di trading pluripremiata, attraverso il nostro conto demo gratuito.

Altri articoli della sezione 4

Mercati

Trading

Piattaforme e app

Analisi di mercato

Contatti

Non cliente: 800 897 582 oppure [email protected]

Programma di collaborazione: contattaci

Fare trading comporta dei rischi. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita.

Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio.

Le perdite dei clienti professionali possono eccedere i loro depositi.

I conti CFD sono offerti da IG Markets Ltd; i conti CFD, opzioni e certificati sono offerti da IG Europe GmbH. IG è un marchio registrato. IG si riferisce a IG Markets Ltd e IG Europe GmbH. IG Markets Ltd (una società registrata in Inghilterra e Galles al n. 04008957, con sede legale a Cannon Bridge House, 25 Dowgate Hill, London, EC4R 2YA) è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority di Londra al n. 195355 ed è iscritta al Registro delle Imprese di Investimento Comunitarie con Succursale tenuto dalla CONSOB al n. 72. P. IVA 06233800967. IG Markets Ltd Filiale Italiana ha sede in Via Paolo da Cannobio 33, 20202 Milano. IG Europe GmbH (una società costituita nella Repubblica Federale di Germania e iscritta al Registro delle Imprese di Francoforte al n. HRB115624, con sede legale a Westhafenplatz 1, 60327 Francoforte) è autorizzata e regolamentata nella Repubblica Federale di Germania dalla Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht e dalla Deutsche Bundesbank al n. 148759 ed è iscritta al Registro delle Imprese di Investimento Comunitarie con Succursale tenuto dalla CONSOB al n. 170. P. IVA 10372620962. IG Europe GmbH Filiale Italiana ha sede in Via Paolo da Cannobio 33, 20202 Milano, Italia.

Le informazioni contenute nel presente sito non sono dirette a soggetti residenti negli Stati Uniti d’America o in Belgio o in qualsiasi altro paese al di fuori dell’Italia. Le informazioni contenute nel presente sito non sono destinate né intese alla distribuzione, o all’utilizzo da parte di soggetti residenti in una giurisdizione o paese in cui tale utilizzo o distribuzione sarebbero contrari alla legge o normativa locale applicabile.

Candele Giapponesi | 40 Pattern Grafici di Continuazione e Inversione

Cosa sono le configurazioni grafiche o pattern di prezzo sulle candele giapponesi?

Le configurazioni grafiche o pattern di prezzo sui grafici a candele giapponesi sono degli schemi che si formano tra una o più candele giapponesi che segnalano una possibile continuazione o inversione di un trend in atto

“Ma come Giovanni, 40 configurazioni grafiche sulle candele giapponesi? 40?! Ma sono tantissime!”

Eh caro amico, si, 40. I pattern di prezzo sulle candele giapponesi che devi assimilare sono ben 40. Lo so, sono tanti.

Ma hey, ti ho sempre detto in questo sito che imparare a fare trading non è una passeggiata. Devi mettere sul campo tanto impegno e fatica per arrivare al successo.

Imparare a riconoscere queste 40 configurazioni grafiche ti permette di ergerti a mini-Nostradamus: spesso azzeccherai il futuro andamento dei prezzi dell’asset analizzato.

Infatti queste configurazioni grafiche individuano, con buona probabilità, il momento in cui un trend in atto sta per accelerare oppure sta per invertire la rotta.

Se no sai cosa sono i trend, prima di proseguire dovresti leggere l’articolo sui supporti e sulle resistenze.

In questo articolo:

– Imparerai a riconoscere e a sfruttare le 40 configurazioni grafiche o pattern di prezzo sulle candele giapponesi

– Ti permetterò di passare subito all’azione individuando e tracciando i pattern che impari su dei grafici veri

Iniziamo subito perché, come avrai già capito, questo articolo è molto ricco di contenuti. Prima di mostrarti le 40 configurazioni grafiche sulle candele giapponesi, però, devo farti ben 4 premesse.

Premessa 1) Sai cosa sono i grafici a candele giapponesi?

Probabilmente sai già cosa sono i grafici candlestick o a candele giapponesi. Ne parlo spesso nei vari articoli di analisi tecnica.

Ti riporto brevemente anche qui cosa sono le candele giapponesi o candlestick:

Le candele giapponesi sono composte, per ogni periodo considerato, da un corpo (body) e da 2 linee, una in alto e una in basso (le shadow, ombre). Rappresentano i 4 prezzi di apertura, chiusura, massimo e minimo.

Inoltre, le candele hanno un colore specifico. Il body è bianco (o verde) se il prezzo di chiusura è stato maggiore del prezzo di apertura. Il body è nero (o rosso) se il prezzo di chiusura è stato inferiore al prezzo di apertura.

A seconda dell’orizzonte temporale scelto, ogni candela assume un valore temporale diverso. Per esempio in un grafico giornaliero ogni candela equivale a un giorno, in uno orario ogni candela equivale a 1 ora, in uno a 4 ore ogni candela equivale a 4 ore, etc.

Inoltre, le candele giapponesi sono molto importanti perché ci sono specifici pattern di prezzo che si possono individuare soltanto utilizzando tale tipologia di grafico. In questo articolo andremo appunto a esplorare tali configurazione grafiche.

Premessa 2) Gli orizzonti temporali influenzano la significatività di qualsiasi costrutto tecnico, compresi i pattern grafici

Questo è un concetto che ti ripeto sempre in tutti gli articoli di analisi tecnica.

La validità dell’analisi tecnica migliora all’aumentare dell’orizzonte temporale di riferimento. In altre parole, qualsiasi costrutto di analisi tecnica è più significativo su grafici giornalieri o settimanali, che non su quelli orari o peggio sotto l’ora.

Ciò vale per tutti i costrutti tecnici, compresi naturalmente i pattern grafici che stiamo per analizzare. Quindi più “veloce” sarà il tuo orizzonte temporale, più “inesatta” sarà l’analisi tecnica che puoi applicare. Tieni a mente questo quando sceglierai l’orizzonte temporale per il tuo trading.

Premessa 3) Ho diviso i 40 pattern di prezzo in 3 insiemi

Ho deciso di dividere le 40 figure sulle candele giapponesi in 3 insiemi perché in questo modo ti sarà più semplice ricordarle e più veloce consultarle.

Questi 3 insiemi sono composti da:

1) 18 figure di continuazione o accelerazione

2) 18 figure di inversione

3) 4 figure “extra”

Le figure di continuazione o accelerazione rappresentano pattern che, se individuati, segnalano che il trend in atto proseguirà

Ora, in questo caso il concetto di continuazione coincide con quello di accelerazione, poiché un trend che “continuerà” vuol dire che presto “accelererà” verso un nuovo massimo (se è un trend rialzista) o minimo (se è un trend ribassista). Però nota che accelerare non vuole necessariamente dire che i prezzi raggiungeranno tale nuovo massimo o minimo in pochissimo tempo.

I prezzi potrebbero toccare un nuovo massimo o minimo anche in modo più armonico o comunque non rapido.

D’ora in poi userò i verbi accelerare e continuare come sinonimi…ci siamo capito su quel che voglio far significare!

Per quanto riguarda il secondo insieme:

Le figure di inversione sono di 2 tipologie. La prima tipologia sono i pattern di inversione “ribassista”, che individuano la fine di un trend rialzista. La seconda tipologia sono i pattern di inversione “rialzista”, che individuano la fine di un trend ribassista

Infine, ci sono 4 figure “extra” che ho deciso di racchiudere a parte in un terzo insieme perché sono un po’ particolari, dopo capirai il perché.

Inoltre ricorda che:

La fine di un trend non sempre coincide con l’inizio di un trend opposto.

Infatti, i prezzi di un asset finanziario possono attraversare 3 possibili fasi:

1) Fase rialzista: seguono un trend rialzista.

2) Fase ribassista: seguono un trend ribassista.

3) Fase laterale o di consolidamento: i prezzi non salgono sopra un certo massimo e non scendono sotto un certo minimo.

Ti devo precisare 2 cose.

La prima è che le figure di inversione di trend possono o dar vita a un trend opposto o dar vita a una fase laterale di consolidamento.

La seconda è che le figure di inversione o di continuazione di trend possono trovarsi anche dentro fasi laterali. Per esempio, nei pressi della resistenza che rappresenta il prezzo massimo in un range di consolidamento, potresti trovare un figura di inversione ribassista. Questa figura sarà un’ulteriore conferma che la resistenza non sarà rotta e che i prezzi stanno per rimbalzare al ribasso su di essa.

Premessa 4) Man mano che impari, passa all’azione!

Non so se hai già aperto oppure no il conto di trading demo sui CFD del forex con il broker che ti ho consigliato varie volte nel sito. Comunque, puoi iniziare sin da oggi ad esercitarti su un conto demo e fare pratica con i pattern di prezzo sulle candele giapponesi facendo la seguente cosa:

Iq option è il miglior broker di CFD sul forex che puoi scegliere in Italia, quello che uso io stesso e di cui sono partner.

Puoi aprire un conto demo in soli 7 secondi e senza dare alcun dato sensibile. Questo conto demo ti sarà utile per applicare ciò che imparerai oggi e negli altri articoli di analisi tecnica di questo sito.

Ora ti chiedo di entrare dentro il conto demo iq option che dovresti aver aperto. Ti chiedo di farlo perché man mano che leggi cosa sono e come tracciare i pattern di prezzo, dovresti esercitarti a tracciarli operativamente sulla piattaforme di trading di iq option. In questo modo potrai subito passare all’azione ed esercitarti sulle candele giapponesi su un conto demo.

Prendi questo articolo come un’occasione sia per migliorare le tue conoscenze che per applicare subito ciò che impari.

Non ti dico di individuare le 40 configurazioni tutte e subito, perché altrimenti quest’articolo già bello lungo potrebbe non scorrere. Però individuare e tracciare sin da subito almeno alcuni dei pattern che imparerai sarebbe molto importante per prendere il massimo da questo articolo. Ora iniziamo.

Insieme 1) Le 18 figure di continuazione o accelerazione

Le seguenti 18 figure sono presentate a coppie, per un totale dunque di 9 coppie. Il motivo è che per ogni figura di continuazione di trend rialzista esiste una figura opposta di continuazione di trend ribassista.

Quindi le coppie di figure sono praticamente identiche l’una con l’altra…a parte il fatto che sono opposte (e cambiano anche i nomi).

Pattern 1 e 2: marabozu rialzista e marabozu ribassista

– Questo è un marabozu rialzista. Individua la continuazione di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un marabozu ribassista. Individua la continuazione di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dei marabozu:

Il marabozu è una figura molto semplice, composta da una sola candela. La caratteristica chiave di questa candela è che non ha le shadow (o le ha piccolissime).

In un marabozu rialzista il minimo coincide con l’apertura e il massimo con la chiusura. In un marabozu ribassista il massimo coincide con l’apertura e il minimo con la chiusura.

I marabozu sono un segnale di continuazione del trend in atto. La candela bianca del marabozu rialzista indica che il trend rialzista è forte e continuerà. La candela nera del marabozu ribassista indica che il trend ribassista è forte e continuerà.

I marabozu segnalano anche un livello di supporto o resistenza interessante. Infatti, il prezzo corrispondente esattamente alla metà di un marabozu rappresenta un supporto o resistenza importante per le successive candele.

Lo puoi vedere chiaramente nell’esempio sopra del marabozu ribassista: i prezzi hanno testato tale livello, per poi essere rispediti al ribasso.

Pattern 3 e 4: 3 white soldiers e 3 black crows

– Questo è un 3 white soldiers. Individua la continuazione di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un 3 black crows. Individua la continuazione di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dei 3 white soldiers e 3 black crows:

Queste 2 figure sono formate da 3 candele, tutte dello stesso colore e con simili caratteristiche. Un 3 white soldiers è formato da 3 candele bianche che possono essere di grandezza variabile. L’importante è che le upper shadow (le shadow superiori) siano o inesistenti o piccolissime, per tutte e le 3 candele bianche.

Analogamente, un 3 black crows è formato da 3 candele nere che possono essere di grandezza variabile. L’importante è che le lower shadow (le shadow inferiori) siano o inesistenti o piccolissime, per tutte e 3 le candele nere.

Un 3 white soldiers si trova spesso in un trend rialzista, e indica che il trend è ancora forte e continuerà. Ma in rari casi, può trovarsi alla fine di un trend ribassista e indicare un cambio di trend.

Similmente, un 3 black crows si trova spesso in un trend ribassista, e indica che il trend è ancora forte e continuerà. Ma in rari casi, può trovarsi alla fine di un trend rialzista e indicare un cambio di trend.

Pattern 5 e 6: rising 3 methods e falling 3 methods

– Questo è un rising 3 methods. Individua la continuazione di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un falling 3 methods. Individua la continuazione di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dei rising 3 methods e falling 3 methods:

Queste 2 figure sono formate da 4 o 5 candele.

La prima è una candela abbastanza lunga che devo essere dello stesso colore del trend in atto: bianca se il trend è rialzista o nera se il trend è ribassista. Poi ci devono essere 2 o 3 candele di colore opposto e più piccole, che ritracciano più o meno fin dove la prima candela è partita (anche un po’ oltre). Infine, l’ultima candela deve essere analoga alla prima per colore, mentre per lunghezza può essere simile o ancor più lunga.

In un rising 3 methods, la prima candela deve essere bianca e abbastanza lunga. Le successive 2 o 3 devono invece essere nere e ritracciare, come nell’esempio sopra. L’ultima deve essere bianca e simile alla prima. Questo pattern segnala che il trend rialzista in atto è forte e continuerà.

In un falling 3 methods, la prima candela deve essere nera e abbastanza lunga. Le successive 2 o 3 devono invece essere bianche e ritracciare, come nell’esempio sopra. L’ultima deve essere nera e simile alla prima. Questo pattern segnala che il trend ribassista in atto è forte e continuerà.

Pattern 7 e 8: rettangolo rialzista e rettangolo ribassista

– Questo è un rettangolo rialzista. Individua la continuazione di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un rettangolo ribassista. Individua la continuazione di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dei rettangoli rialzisti e ribassisti:

I rettangoli rappresentano delle classiche fasi laterali di consolidamento. I prezzi si muovono sotto un certo massimo (una resistenza) ma sopra un certo minimo (un supporto).

Un rettangolo rialzista si verifica quando, durante un trend rialzista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in un certo range. Alla rottura della resistenza, il trend ripartirà poi al rialzo. Sebbene sia più comune la rottura al rialzo se il trend in atto prima della pausa è rialzista, in alcuni casi il rettangolo si potrebbe anche rompere al ribasso, e quindi causare un’inversione di trend.

Un rettangolo ribassista si verifica quando, durante un trend ribassista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in un certo range. Alla rottura del supporto, il trend ripartirà poi al ribasso. Sebbene sia più comune la rottura al ribasso se il trend in atto prima della pausa è ribassista, in alcuni casi il rettangolo si potrebbe anche rompere al rialzo, e quindi causare un’inversione di trend.

Pattern 9, 10, 11 e 12: triangolo simmetrico rialzista e ribassista, pennant rialzista e ribassista

Ho racchiuso i triangoli simmetrici con i pennant perché essi sono pattern di prezzo molto simili tra loro.

L’unica differenza è che i triangoli simmetrici sono, appunto, del tutto simmetrici. Mentre i pennat sono dei triangoli “storti”, ma hanno lo stesso significato operativo e le stesse caratteristiche. Vediamo.

– Questo è un pennant rialzista. Individua la continuazione di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi. Non è un triangolo simmetrico rialzista perché il triangolo formato non è perfettamente simmetrico, ma è un dettaglio di poco conto visto che le caratteristiche sono analoghe.

– Questo è un triangolo simmetrico ribassista. Individua la continuazione di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi. In questo caso invece il triangolo appare veramente simmetrico, quindi non si chiama pennant ma si chiama triangolo simmetrico. E’ un puro dettaglio relativo al nome.

– Caratteristiche dei triangoli simmetrici e dei pennant:

I triangoli simmetrici e i pennant sono delle figure di consolidamento. I prezzi oscillano in un certo range di prezzo che tende a diminuire nel tempo, finché non si arriva a un breakout.

Un triangolo simmetrico o un pennant rialzista si verifica quando, durante un trend rialzista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in un certo range che nel tempo si assottiglia. Alla rottura della figura, il trend ripartirà poi al rialzo. Sebbene sia più comune la rottura al rialzo se il trend in atto prima della pausa è rialzista, in alcuni casi la figura si potrebbe anche rompere al ribasso, e quindi causare un’inversione di trend.

Un triangolo simmetrico o un pennant ribassista si verifica quando, durante un trend ribassista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in un certo range che nel tempo si assottiglia. Alla rottura della figura, il trend ripartirà poi al ribasso. Sebbene sia più comune la rottura al ribasso se il trend in atto prima della pausa è ribassista, in alcuni casi la figura si potrebbe anche rompere al rialzo, e quindi causare un’inversione di trend.

Significativo è anche il comportamento dei volumi. In queste figure, infatti, i volumi tendono a diminuire man mano che si va in fondo al triangolo simmetrico o al pennant. Poi, al momento del breakout, i volumi esplodo al rialzo, segnalando la ripresa del trend.

Pattern 13 e 14: triangolo rettangolo ascendente e triangolo rettangolo discendente

– Questo è un triangolo rettangolo ascendente. Individua la continuazione di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un triangolo rettangolo discendente. Individua la continuazione di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dei triangoli rettangoli ascendenti e discendenti:

I triangoli rettangoli sono delle figure di consolidamento. I prezzi oscillano in un certo range di prezzo che tende a diminuire nel tempo, finché non si arriva a un breakout.

Un triangolo rettangolo ascendente si verifica quando, durante un trend rialzista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in un certo range che nel tempo si assottiglia. Questo range si assottiglia, tuttavia, solo per l’aumentare dei minimi, mentre i massimi restano sempre ancorati a una resistenza statica, come nell’esempio sopra. Alla rottura della figura, il trend ripartirà poi al rialzo.

Un triangolo rettangolo discendente si verifica quando, durante un trend ribassista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in un certo range che nel tempo si assottiglia. Questo range si assottiglia, tuttavia, solo per il diminuire dei massimi, mentre i minimi restano sempre ancorati a un supporto statico, come nell’esempio sopra. Alla rottura della figura, il trend ripartirà poi al ribasso.

Anche in questo caso, significativo è il comportamento dei volumi. In queste figure, infatti, i volumi tendono a diminuire man mano che si va in fondo al triangolo rettangolo. Poi, al momento del breakout, i volumi esplodo al rialzo, segnalando la ripresa del trend.

Pattern 15 e 16: flag rialzista e flag ribassista

– Questo è un flag rialzista. Individua la continuazione di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un flag ribassista. Individua la continuazione di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dei flag rialzisti e ribassisti:

I flag sono delle figure di consolidamento. I prezzi oscillano in un canale formato da due rette parallele e che ha inclinazione e direzione opposta rispetto a quelle del trend in atto.

Un flag rialzista si verifica quando, durante un trend rialzista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in una canale al ribasso. Alla rottura della figura, il trend ripartirà poi al rialzo.

Un flag ribassista si verifica quando, durante un trend ribassista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in una canale al rialzo. Alla rottura della figura, il trend ripartirà poi al ribasso.

Anche in questo caso, significativo è il comportamento dei volumi. In queste figure, infatti, i volumi tendono a diminuire man mano che si va in fondo al flag. Poi, al momento del breakout, i volumi esplodo al rialzo, segnalando la ripresa del trend.

Pattern 17 e 18: wedge rialzista e wedge ribassista

– Questo è un wedge rialzista. Individua la continuazione di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un wedge ribassista. Individua la continuazione di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dei wedge rialzisti e ribassisti:

I wedge sono delle figure di consolidamento e appaiono come triangoli molto irregolari e molti inclinati, tali da prendere la forma di un cuneo (wedge appunto). I prezzi oscillano dentro questo cuneo che ha inclinazione e direzione opposta rispetto a quelle del trend in atto. L’inclinazione opposta rispetto al trend in atto accomuna dunque i wedge alle flag.

Un wedge rialzista si verifica quando, durante un trend rialzista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in un cuneo al ribasso. Alla rottura della figura, il trend ripartirà poi al rialzo.

Un wedge ribassista si verifica quando, durante un trend ribassista, i prezzi si prendono una pausa e oscillano in un cuneo al rialzo. Alla rottura della figura, il trend ripartirà poi al ribasso.

Anche in questo caso, significativo è il comportamento dei volumi. In queste figure, infatti, i volumi tendono a diminuire man mano che si va in fondo al cuneo. Poi, al momento del breakout, i volumi esplodo al rialzo, segnalando la ripresa del trend.

Bene, ora fai subito un po’ di pratica!

1) Entra sul tuo conto demo di iq option. Apri il grafico giornaliero di un asset a piacere. E su questo grafico individua almeno 1 dei 18 pattern grafici di continuazione che hai appena studiato.

Pausa!

Siamo arrivati più o meno a metà di questo articolo su tutto quello che devi sapere riguardo le configurazioni grafiche o pattern di prezzo sulle candele giapponesi.

Prima di andare a vedere la seconda parte di questo articolo, ti do un antipasto riguardo 1 delle figure che vedrai spiegata tra poco. E lo faccio attraverso questo breve spezzone di video in cui parla Giacomo Probo. Che è uno dei trader italiani più famosi, e che devo ammettere è stato molto importante per la mia stessa formazione.

Infatti, nota che molti dei concetti che trovi in questo stesso articolo provengono dai suoi insegnamenti e/o dai suoi libri. In primis dal libro “Trading operativo sul Forex. Le strategie vincenti per guadagnare sul mercato dei cambi”. Libro che è un bestseller dell’analisi tecnica.

Ora goditi questo spezzone di video di youtube, preso dagli studi di Class CNBC, in cui Probo parla di un testa e spalle rialzista sul cross USD/JPY.

Insieme 2) Le 18 figure di inversione

Anche in questo caso le seguenti 18 figure sono presentate a coppie, per un totale dunque di 9 coppie. Il motivo è che per ogni figura di inversione ribassista (che inverte un trend rialzista) esiste una figura opposta di inversione rialzista (che inverte un trend ribassista).

Quindi le coppie di figure sono praticamente identiche l’una con l’altra…a parte il fatto che sono opposte (e cambiano anche i nomi). Iniziamo.

Pattern 19 e 20: hanging man e hammer

– Questi sono due hanging man. L’hanging man individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questi sono due hammer. L’hammer individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dell’hanging man e dell’hammer:

Sono figure composte da una sola candela. Il colore di tale candela è irrilevante, ma è invece essenziale che essa abbia una lunga lower shadow e una inesistente o piccolissima upper shadow. La lower shadow deve essere almeno il doppio del corpo della candela. Inoltre, per completarsi, queste figure devono trovarsi nei pressi di una resistenza o di un supporto statico, come negli esempi di sopra.

Un hanging man è una candela che ha colore irrilevante ma possiede una lunga lower shadow. La candela si trova nei pressi di una resistenza statica storica, e toccherà tale resistenza con la sua parte superiore. La si può trovare al culmine di un trend rialzista, ed indica un’inversione di trend al ribasso.

Un hammer è una candela che ha colore irrilevante ma possiede una lunga lower shadow. La candela si trova nei pressi di un supporto statico storico, e toccherà tale supporto con la sua parte inferiore. La si può trovare al culmine di un trend ribassista, ed indica un’inversione di trend al rialzo.

A volte si possono trovare anche 2 o più di queste candele vicine tra loro, come negli esempi di sopra. Come puoi intuire, l’aumentare del numero di queste candele nella stessa zona dà un segnale ancor più forte di inversione.

Pattern 21 e 22: shooting star e inverted hammer

– Queste sono due shooting star. Una shooting star individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un inverted hammer. Individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche della shooting star e dell’inverted hammer:

Sono anch’esse figure composte da una sola candela. Il colore di tale candela è irrilevante, ma è invece essenziale che essa abbia una lunga upper shadow e una inesistente o piccolissima lower shadow. L’upper shadow deve essere almeno il doppio del corpo della candela. Inoltre, per completarsi, queste figure devono trovarsi nei pressi di una resistenza o di un supporto statico, come negli esempi di sopra.

Una shooting star è una candela che ha colore irrilevante ma possiede una lunga upper shadow. La candela si trova nei pressi di una resistenza statica storica, e toccherà tale resistenza con la sua parte superiore. La si può trovare al culmine di un trend rialzista, ed indica un’inversione di trend al ribasso.

Un inverted hammer è una candela che ha colore irrilevante ma possiede una lunga upper shadow. La candela si trova nei pressi di un supporto statico storico, e toccherà tale supporto con la sua parte inferiore. La si può trovare al culmine di un trend ribassista, ed indica un’inversione di trend al rialzo.

Come avrai intuito, graficamente queste 2 figure sono l’inverso dell’hanging man e dell’hammer.

A volte si possono trovare anche 2 o più di queste candele vicine tra loro, come in uno degli esempi di sopra. Come puoi intuire, l’aumentare del numero di queste candele nella stessa zona dà un segnale ancor più forte di inversione.

Pattern 23 e 24: bearish engulfing line e bullish engulfing line

– Questo è un bearish engulfing line. Individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un bullish engulfing line. Individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche del bearish o bullish engulfing line:

Sono figure composte da 2 candele di colore opposto. La prima segue il trend in corso. La seconda, invece, è di colore opposto al trend in corso, e deve completamente “sovrastare o coprire” la prima con un movimento opposto.

Tali figure hanno maggiore validità se la seconda candela apre in “gap”. Gap che deve essere “gap-up” per il bearish engulifing line, e “gap-down” per il bullish engulfing line.

Un gap-up si verifica quando il prezzo di apertura di una candela è maggiore del prezzo di chiusura della precedente candela. Viceversa, un gap-down si verifica quando il prezzo di apertura di una candela è minore del prezzo di chiusura della precedente candela

Un bearish engulfing line è composto da 2 candele, di cui la prima bianca e la seconda nera. La seconda candela nera deve completamente coprire la prima bianca, come nell’esempio. Lo si può trovare al culmine di un trend rialzista, ed indica un’inversione di trend al ribasso.

Un bullish engulfing line è composto da 2 candele, di cui la prima nera e la seconda bianca. La seconda candela bianca deve completamente coprire la prima nera, come nell’esempio. Nell’esempio noti anche come la seconda candela bianca apra in gap-down, ovvero la sua apertura è inferiore al prezzo di chiusura della candela nera. Questo è un segnale che rafforza ancor di più la validità della figura. La si può trovare al culmine di un trend ribassista, ed indica un’inversione di trend al rialzo.

Una regola importante è che più la prima candela ha un body piccolo e/o più la seconda ha un body grande, maggiore è la validità di tali figure. Inoltre, è anche importante che nella seconda candela i volumi siano maggiori rispetto alla prima.

Pattern 25 e 26: dark cloud cover e piercing line

– Questo è un dark cloud cover. Individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico candlestick.

– Questa è una piercing line. Individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche del dark cloud cover e della piercing line:

Sono figure composte da 2 candele di colore opposto. La prima segue il trend in corso. La seconda, invece, è di colore opposto al trend in corso e deve necessariamente aprire in gap rispetto alla prima. Più precisamente, il gap deve essere gap-up per il dark cloud cover, e gap-down per la piercing line.

Inoltre, la seconda candela deve poi penetrare dentro la prima e superare almeno la metà di essa, come negli esempi di sopra. La figura assume molta più rilevanza se l’apertura in gap della seconda candela avviene sopra una resistenza (o sotto un supporto), per poi penetrare oltre il 50% della prima candela.

Un dark cloud cover è composto da 2 candele, di cui la prima bianca e la seconda nera. La seconda candela nera deve aprire in gap-up e poi superare almeno il 50% della prima candela.

Ancora meglio se la seconda candela apre al di sopra di una resistenza storica, per poi ritracciare come nell’esempio. Lo si può trovare al culmine di un trend rialzista, ed indica un’inversione di trend al ribasso.

Una piercing line è composta da 2 candele, di cui la prima nera e la seconda bianca. La seconda candela bianca deve aprire in gap-down e poi superare almeno il 50% della prima candela.

Ancora meglio se la seconda candela apre al di sotto di un supporto storico, per poi ritracciare come nell’esempio. La si può trovare al culmine di un trend ribassista, ed indica un’inversione di trend al rialzo.

Una regola importante è che più la seconda candela penetra la prima, maggiore è la validità di tali figure. Inoltre, è anche importante che nella seconda candela i volumi siano maggiori rispetto alla prima.

Pattern 27 e 28: evening star e morning star

– Questa è un’evening star. Individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico candlestick.

– Questa è una morning star. Individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dell’evening star e della morning star:

Sono figure composte da 3 candele. La prima candela segue il trend in corso. Il colore della seconda è invece ininfluente, purché abbia un body molto piccolo (può invece avere shadow molto pronunciate).

La terza è di colore opposto al trend in atto, e deve superare almeno il 50% della prima candela. La figura assume ancor più rilevanza se la seconda candela apre in gap. Gap che deve essere gap-up per l’evening star, e gap-down per la morning star.

Un’evening star è composta da 3 candele, di cui la prima è bianca, la seconda ha un body piccolo ed è di colore ininfluente, e la terza è lunga e nera. La terza candela nera deve superare almeno il 50% della prima candela bianca. La si può trovare al culmine di un trend rialzista, ed indica un’inversione di trend al ribasso.

Una morning star è composta da 3 candele, di cui la prima è nera, la seconda ha un body piccolo ed è di colore ininfluente, e la terza è lunga e bianca. La terza candela bianca deve superare almeno il 50% della prima candela nera. La si può trovare al culmine di un trend ribassista, ed indica un’inversione di trend al rialzo.

Una regola importante è che più la terza candela penetra la prima, maggiore è la validità di tali figure. Inoltre, è anche importante che nella terza candela i volumi siano maggiori rispetto alla prima.

Pattern 29 e 30: bearish harami e bullish harami

– Questo è un bearish harami. Individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un bullish harami. Individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico candlestick.

– Caratteristiche dei bearish e bullish harami:

Sono figure composte da 2 candele di colore opposto. La prima segue il trend in corso ed è la più grande delle due. La seconda, invece, è di colore opposto al trend in corso, e deve completamente essere sovrastata dalla prima. Il pattern assume maggiore validità se la seconda candela apre in gap. Gap che deve essere gap-down per il bearish harami, gap-up per il bullish harami.

Un bearish harami è composto da 2 candele, di cui la prima bianca e la seconda nera. La prima candela bianca deve completamente coprire la seconda nera, come nell’esempio. Lo si può trovare al culmine di un trend rialzista, ed indica un’inversione di trend al ribasso.

Un bearish harami è composto da 2 candele, di cui la prima nera e la seconda bianca. La prima candela nera deve completamente coprire la seconda bianca, come nell’esempio. Lo si può trovare al culmine di un trend ribassista, ed indica un’inversione di trend al rialzo.

Fai molta attenzione quando trovi un harami! Gli harami sono le figure di inversione più “birichine”, o meglio quelle che più spesso generano falsi segnali. Insomma, rispetto a tutte le altre figure di inversione che stiamo vedendo, esse generano un segnale di inversione più debole. Te li ho riportati per completezza, ma devo ammettere che non sono molto affidabili. Cautela.

Pattern 31 e 32: broadening top e broadening bottom

– Questo è un broadening top. Individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un broadening bottom. Individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche dei broadening top e bottom:

I broadening sono dei triangoli al contrario. Tuttavia, a differenza dei triangoli, esse sono delle figure di inversione di trend, e non di continuazione. I prezzi oscillano in un certo range che tende ad aumentare nel tempo, finché non si arriva al breakout. Breakout che porta alla nascita di un trend opposto al precedente.

Un broadening top si verifica quando, al culmine di un trend rialzista, i prezzi cominciano a oscillare in un certo range che nel tempo si allarga. Alla rottura della figura al ribasso, il trend si invertirà ed i prezzi si muoveranno al ribasso.

Un broadening bottom si verifica quando, al culmine di un trend ribassista, i prezzi cominciano a oscillare in un certo range che nel tempo si allarga. Alla rottura della figura al rialzo, il trend si invertirà ed i prezzi si muoveranno al rialzo.

Significativo è anche il comportamento dei volumi. In queste figure, infatti, i volumi tendono ad aumentare man mano che si va in fondo alla figura. Nota che accade l’opposto rispetto ai triangoli, dove invece i volumi calano man mano che si arrivava alla fine del triangolo.

Pattern 33 e 34: doppio/triplo massimo e doppio/triplo minimo

– Questo è un triplo massimo. Individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico candlestick.

– Questo è un doppio minimo. Individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico a candele giapponesi.

– Caratteristiche del doppio/triplo massimo o minimo:

I doppio/triplo massimo o minimo sono delle figure tanto semplici quanto importanti. Si trovano nei pressi di resistenze o supporti statici molto forti, talmente forti che faranno invertire il trend in atto. Arrivati nei pressi di questa resistenza o supporto, dunque, i prezzi rimbalzeranno 2 o 3 volte e poi ripartiranno verso un nuovo trend opposto al precedente.

Il nuovo trend inizierà, però, solo al rompersi della base della figura, che sarà un altro supporto/resistenza.

Un doppio o triplo massimo si verifica quando, al culmine di un trend rialzista, i prezzi rimbalzano 2 o 3 volte su una resistenza storica forte. Per rimbalzare la seconda e terza volta si poggeranno su un supporto, che sarà la “base” della figura. Alla rottura poi di questa base al ribasso, il trend si invertirà ed i prezzi si muoveranno al ribasso.

Un doppio o triplo minimo si verifica quando, al culmine di un trend ribassista, i prezzi rimbalzano 2 o 3 volte su una supporto storico forte. Per rimbalzare la seconda e terza volta si poggeranno su una resistenza, che sarà la “base” della figura. Alla rottura poi di questa base al rialzo, il trend si invertirà ed i prezzi si muoveranno al rialzo.

Significativo è anche il comportamento dei volumi. In queste figure, infatti, i volumi tendono a diminuire man mano che si passa dal primo minimo/massimo fino ai successi.

Pattern 35 e 36: testa e spalle ribassista e testa e spalle rialzista

– Questo è un testa e spalle ribassista. Individua un’inversione al ribasso di un trend rialzista in un grafico a candele giapponesi.

– Questo è un testa e spalle rialzista. Individua un’inversione al rialzo di un trend ribassista in un grafico candlestick.

– Caratteristiche dei testa e spalle ribassisti o rialzisti:

I testa e spalle sono delle figure di inversione molto forti. Si formano quando ci sono ben 3 livelli di supporto/resistenza, più o meno vicini tra loro. Come vedi dai grafici, i testa e spalle sono più semplici da capire guardando la figura che da spiegare a parole! Comunque, ci provo.

Un testa e spalle ribassista segnala la fine di un trend rialzista. I prezzi formano prima la spalla sinistra, con un movimento caratterizzato da forti volumi. Poi i prezzi raggiungeranno un nuovo massimo, con volumi però in diminuzione; così verrà creata la “testa”.

Poi si verifica un movimento analogo al primo, creando così la seconda spalla. I volumi per la seconda spalla sono ancora più bassi dei due movimenti precedenti. Infine, i prezzi bucheranno al ribasso la cosiddetta “neckline”, ovvero il supporto che collega le basi delle due spalle; i volumi, alla rottura della neckline, esplodono al rialzo.

Nota che solo e soltanto al rompersi della neckline il pattern è completo ed i prezzi inizieranno un nuovo trend ribassista.

Un testa e spalle rialzista segnala invece la fine di un trend ribassista. I prezzi formano prima la spalla sinistra, con un movimento caratterizzato da forti volumi. Poi i prezzi raggiungeranno un nuovo minimo, con volumi però in diminuzione; così verrà creata la “testa”.

Poi si verifica un movimento analogo al primo, creando così la seconda spalla. I volumi per la seconda spalla sono ancora più bassi dei due movimenti precedenti. Infine, i prezzi bucheranno al rialzo la cosiddetta “neckline”, ovvero la resistenza che collega le basi delle due spalle; i volumi, alla rottura della neckline, esplodono al rialzo.

Nota che solo e soltanto al rompersi della neckline il pattern è completo ed i prezzi inizieranno un nuovo trend rialzista.

Nota anche un’ultima cosa: solitamente, al rompersi della neckline, i prezzi tornano a toccare tale linea per testare il livello. Dopo averlo testato, inizieranno il nuovo trend nella direzione opposta alla precedente.

Ora passa di nuovo alla pratica!

Entra sul tuo conto demo di iq option. Apri il grafico giornaliero di un asset a piacere. E su questo grafico individua almeno 1 dei 18 pattern grafici di inversione che hai appena studiato.

Insieme 3) Le 4 figure extra

Ho deciso di dedicare un insieme a parte per le seguenti 4 particolari figure. Vediamole.

Pattern 37 e 38: gap e window

Se hai letto i precedenti pattern, sai già cosa sono i gap. Te lo ripeto anche qui:

Un gap è lo spazio che resta vuoto tra il prezzo di chiusura di una candela e il prezzo di apertura della candela successiva

Un gap può essere di 2 tipi: gap-up o gap-down.

Un gap-up si verifica quando il prezzo di apertura di una candela è maggiore del prezzo di chiusura della sua precedente candela. Viceversa, un gap-down si verifica quando il prezzo di apertura di una candela è minore del prezzo di chiusura della sua precedente candela.

Vediamo invece cosa sono le window:

Una window è lo spazio che resta vuoto tra il prezzo massimo (minimo) di una candela e il prezzo minimo (massimo) della candela successiva

In modo del tutto analogo ai gap, anche una window può essere una window-up o una window-down.

Vediamo di seguito un esempio che mostra un gap e una window tra due candele giapponesi.

Ora ti starai chiedendo: ma qual è l’utilità pratica di gap e window? Be’, parzialmente l’abbiamo già vista.

Innanzitutto, gap e window completano o rendono più significativi alcuni pattern di prezzo sulle candele giapponesi, come le morning star, le evening star, i dark cloud cover, o le piercing line.

Inoltre, molto più banalmente gap e window segnalano la presenza di forti supporti o resistenze. Infatti, di solito i prezzi di una candela tendono sempre a “coprire” gap e window che lasciano all’apertura. Per questo, se i gap e le window non sono coperti dai prezzi, probabilmente è perché i livelli non coperti sono importanti supporti/resistenze.

Pattern 39: i doji

Un doji è una candela in cui il prezzo di apertura e quello di chiusura coincidono, o sono vicinissimi. Un doji è quindi una candela che ha un body quasi inesistente

Nell’esempio trovi tanti doji cerchiati in rosso.

I doji sono utili per i seguenti 3 motivi:

1) Possono significare indecisione o una pausa del trend in atto.

2) Possono segnalare la presenza di un supporto o di una resistenza.

3) Soprattutto, rafforzano la validità di molti dei pattern grafici che abbiamo visto prima. Per esempio le morning e le evening star (la seconda candela). E anche gli hammer, gli inverted hammer, gli hanging man e le shooting star. Più le candele di questi pattern sono doji, quindi più hanno un body piccolo, più tali figure sono significative.

Pattern 40: la tua testa!

Ok, i pattern sono in realtà 39, non 40. Ma 39 suonava un po’ male nel titolo, quindi ho preferito aggiungerne uno, spero che mi perdonerai!

Ma fammi approfittare di questo spazio per ricordarti la seguente cosa:

Il miglior pattern che puoi usare per creare trade vincenti è la tua testa!

Ciò significa che se pensi che solo grazie a queste configurazioni grafiche potrai avere vita semplice nel trading…be’ ti sbagli di grosso!

Se hai letto altri miei articoli, sai già che il padroneggiare l’analisi tecnica è solo una parte, seppur importante, di uno stile di trading vincente.

Ci sono tante altre cose da considerare per poter essere profittevoli nel lungo termine. Tra cui l’analisi fondamentale, il money management, e le altre basi tecniche trattate in altri articoli di questo sito.

Quindi ricorda sempre che per avere successo nel trading devi considerare anche tutti gli altri fattori che ti ho spiegato e ti sto spiegando un po’ alla volta in questo sito. La tua migliore arma è, appunto, la tua testa, non il singolo pattern grafico.

Ora fai pratica

Entra sul tuo conto demo di iq option. Apri il grafico giornaliero di un asset a piacere. E su questo grafico individua 1 gap, 1 window oppure 1 doji. Note che i doji sono più comuni dei gap. Ed i gap sono di norma più comuni delle window.

Conclusione + un paio di dritte

In questo articolo hai:

– Scoperto i 18 pattern di prezzo di continuazione sulle candele giapponesi.

– Imparato i 18 pattern di prezzo di inversione sulle candele giapponesi.

– Capito cosa sono gap, window e doji.

– Inoltre, sei passato all’azione cercando di individuare sin da subito questi pattern sul tuo conto di trading demo sui CFD del forex di iq option.

Non devo certo farti notare che oggi ne abbiamo messa parecchia di carne al fuoco! Evita di imparare tutte queste figure in un solo giorno. Prenditi il tuo tempo, anche solo assimilare 2-3 pattern al giorno è ok. Purché li studi per bene e soprattutto provi a trovarli e/o tracciarli su grafici reali (ricordi? pratica!).

Ti lascio con 2 dritte finali:

1) I pattern di prezzo spesso non sono graficamente perfetti

Probabilmente lo avevi già notato da solo. Nella pratica tutti i pattern che abbiamo visto non sono quasi mai “perfetti” secondo teoria.

A volte i prezzi “sporcano” un po’ le linee di resistenza o di supporto che compongono i pattern. Altre volte le configurazioni escono “storte”. Per esempio un testa e spalle può avere le spalle leggermente diverse, oppure può essere inclinato e non bello dritto.

Poco importa. Nella pratica ciò è la prassi, e non cambia di un millimetro la validità di tali figure.

2) Come sfruttare i pattern grafici per impostare trade vincenti

Tutte le figure analizzate ti sono molto utili perché ti segnalano:

– Un ottimo prezzo di entrata in una trade. Per esempio, potresti entrare a mercato o con un ordine pendente all’inizio di un nuovo trend, dopo che hai individuato un pattern di inversione.

Oppure potresti entrare a mercato o con un ordine pendente nel trend in atto, dopo aver individuato un pattern di continuazione.

– Un ottimo prezzo di uscita da una trade. Per esempio, potresti uscire a mercato o con un take profit se stai cavalcando un trend in essere ma noti un pattern di inversione.

Oppure potresti decidere di non chiudere una posizione in guadagno perché noti che il trend che stai cavalcando potrebbe continuare grazie a un pattern di continuazione.

– Inoltre, tutti i pattern visti forniscono sempre dei livelli di supporto e/o resistenza molto validi.

Il calvario è finito, puoi andare!

Ti è piaciuto questo articolo? Lo hai trovato utile? Hai compreso tutto riguardo i pattern di prezzo sulle candele giapponesi?

Se la risposta a queste domande è si, potresti per favore mettermi un bel like su Facebook? A te non costa niente, mentre per me vale veramente tantissimo! Clicca sul bottone qui sotto.

Ho un’ultima sorpresina per te: qui di seguito trovi un box di super sintesi riguardo i principali punti chiave di questo articolo. Trovi uno schema del genere in tutti gli articoli di Il Trading Per Te.

Ti abbraccio e alla prossima!

Giovanni alias Fairmaster

Box di sintesi | Candele Giapponesi | 40 Pattern Grafici di Continuazione e Inversione

– Le configurazioni o pattern sui grafici a candele giapponesi sono degli schemi che si formano tra una o più candele giapponesi che segnalano una possibile accelerazione o inversione di un trend in atto

– In questo articolo hai scoperto ben 40 configurazione grafiche sulle candele giapponesi:

1) 18 figure di continuazione

2) 18 figure di inversione

3) Gap, window e doji + la tua testa

– Gli orizzonti temporali influenzano la significatività di qualsiasi costrutto tecnico, compresi i pattern grafici

– I pattern di prezzo spesso non sono graficamente perfetti

– Puoi sfruttare i pattern grafici per trovare un ottimo prezzo di entrata o uscita da una trade. O per individuare importanti livelli di supporto/resistenza

– Puoi iniziare sin da subito ad esercitarti a individuare e tracciare questi pattern sul tuo conto di trading demo sui CFD del forex di iq option

Perche un Hammer molto spesso indica un inversione del trend

Nel trading di opzioni binarie è fondamentale saper fare analisi tecnica, saper quindi leggere i grafici, individuare le trend-line, i livelli di supporto e di resistenza, saper inserire indicatori, ritracciamenti di Fibonacci, Bande di Bollinger, RSI, ADX, MACD, ecc. ecc. All’inizio può sembrare complicato per via del fatto che ci sono molti termini che non si conoscono, ma se avete un po’ di pazienza e soprattutto tanta passione allora vi garantisco che questi concetti potranno essere vostri in pochissimo tempo. Non occorrono lauree per imparare a fare l’analisi tecnica ma serve molta volontà e dedizione al trading online.

Gli indicatori non indicano come investire

Ho visto che in molti sul web propongono strategie per opzioni binarie i cui segnali di ingresso si basano sul comportamento degli indicatori come RSI, Stocastico, MACD, ADX ecc. Il problema principale degli indicatori sta nel fatto che ci indicano il passato e non il futuro e, oserei dire, neanche il presente. Si, neanche il presente,

Facebook lancia un nuovo sistema di pagamenti tramite Messenger

Il sistema di pagamenti ideato dal social network più famoso del mondo è pronto a rivoluzionare la vita degli utenti che utilizzano normalmente Messenger. Facendo seguito alle numerose indiscrezioni circolate a partire da ottobre, è ora arrivata la conferma da parte della stessa azienda statunitense tramite un aggiornamento di Messenger. In passato Mark Zuckenberg aveva

Come Utilizzare la Media Mobile a 50 Periodi nel Trading di Opzioni Binarie

Gli analisti di Optionweb, uno dei broker leader del settore binario, hanno deciso di condividere con gli utenti del nostro blog alcuni concetti fondamentali di analisi tecnica che possono essere applicati al trading binario. Oggi pertanto parleremo di Medie mobili. La media mobile è un indicatore tecnico semplice ma versatile e viene usata dai trader

Analisi dei mercati del 3 aprile 2020 by OptionTime

Borse europee positive dopo l’aggiornamento dei tassi d’interesse della BCE. Bene la borsa di Milano che in fase di scrittura guadagna lo 0.6%. Chiusura positiva ieri anche per Wall Street nonostante il dato sulla variazione occupazione del settore non-agricolo sia stato deludente rispetto ai pronostici.

L’importanza dei time-frame per stabilire importanti livelli di supporto o resistenza

Cari lettori e utenti attivi del nostro blog di opzioni binarie, oggi volevo parlarvi di un argomento molto importante per cercare di comprendere bene i mercati: i time-frame.

Analisi tecnica sul titolo APPLE marzo 2020

Nel presente video Vi mostro un esempio di analisi tecnica effettuato sul titolo APPLE per il mese di marzo 2020. È un analisi per investimenti a lunga scadenza, anche un mese. Vedremo insieme se tale analisi si rivelerà profittevole o meno.

Analisi tecnica del 15 gennaio 2020 – trading EUR/USD

In questa breve analisi tecnica di oggi 15 gennaio 2020 volevo mettervi in luce l’efficacia della strategia per opzioni binarie a 60 secondi con il rintracciamento di Fibonacci. Opportunamente sistemato nel grafico a candele dà luogo a molti utili segnali per fare trading.

Perché un Hammer molto spesso indica un inversione del trend

Chi si sta avvicinando al mondo delle opzioni binarie si trova catapultato in un mondo che a primo impatto può sembrare astruso, incomprensibile, sto parlando del mondo dei grafici a candele. Già in pasato su questo sito ho trattato l’argomento dei grafici a candele come base per chi vuole studiar strategie per negoziare in opzioni

Cosa sono i supporti e le resistenze in analisi tecnica

Alcuni di Voi mi hanno chiesto se potevo spiegare bene il significato di supporti e di resistenze in analisi tecnica. Bene, cercherò di fare del mio meglio in modo che tutti possano capire di cosa si sta parlando soprattutto quando andiamo ad analizzare i grafici del giorno o i video dimostrativi.

Candele giapponesi: significato e lettura di un pattern

Cosa sono le candele giapponesi Le candele giapponesi sono le parole con le quali ci parlano i mercati e per saperle leggere occorre saperle contestualizzare all’interno di un pattern perché altrimenti si corre il rischio di fraintendere il loro significato, e fraintendere un indicazione del mercato equivale a perdere soldi e pertanto dobbiamo imparare soprattutto ad

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie: vero o falso?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: