La bassa volatilita si nota nel trading delle opzioni binarie

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

La bassa volatilità si nota nel trading delle opzioni binarie

Dopo i festeggiamenti per l’indipendenza americana, che ci hanno fatto vivere un finire di settimana in linea con la poco volatilità che ha seguito il doppio appuntamento BCE / NFP, siamo pronti a considerare dei ritorni di volatilità, seppur non copiosi ma che possono per lo meno permetterci di operare, seguendo quali dinamiche?

Quello che sarebbe dovuto essere un giovedì storico per il doppio appuntamento BCE / Non Farm Payrolls si è rivelato, come visto settimana scorsa, un non-evento, con reazioni di volatilità davvero contenute da parte dei mercati. La BCE, durante la giornata di giovedì e come da attese ha lasciato intendere che verrà portata avanti una politica di “wait and see” per valutare gli effetti delle decisioni di politica monetaria prese nella penultima riunione, cosa non possibile dopo neanche un mese (esse hanno avuto effetto dall’11 giugno) trascorso.

Sul fronte depositi di liquidità overnight presso l’istituto di Francoforte da parte delle banche commerciali con denaro in eccesso a fine giornata rispetto a quanto necessario per incontrare tutti i requisiti di capitalizzazione richiesti, spiega DailyFx la situazione è migliorata poco rispetto alla media, questo sta a significare che il denaro non sta circolando sul circuito del credito come avrebbe potuto fare di fronte all’imposizione di dover “pagare il parcheggio”, un tasso di remunerazione per far si che i propri soldi vengano custoditi, seppur per poche ore, dalla BCE.

Per quanto concerne invece il mercato del lavoro americano, abbiamo assistito ad un miglioramento del tasso di disoccupazione dal 6.3% al 6.1%, con una creazione di nuovi posti di lavoro pari a 288 mila unità, una cifra ben superiore al precedente 217k ed all’atteso 215k, il che ha portato ad una lieve rivalutazione del dollaro americano, con le borse su nuovi massimi.

ATR indicatore volatilità: come usare

Home » Segnali Forex e Strategie » ATR indicatore volatilità: come usare

L’indicatore ATR (Average True Range) è molto apprezzato dai trader che scambiano asset molto volatili. Ha infatti la capacità di individuare le fasi di volatilità e di lateralità dei prezzi.

Raramente utilizzato da solo, se impiegato con l’RSI o l’ADX è in grado di segnalare adeguatamente i livelli di entrata e di uscita dal mercato. Ha una solida storia alle spalle: è stato creato dal trader J. Welles Wilder nel 1978 e menzionato per la prima volta nel libro “In Technical Trading System”, testo di esordio anche per i più famosi RSI, Parabolic SAR e ADX.

ATR: calcolo e valori

Lo scopo dell’indicatore ATR è segnalare il grado di volatilità di un asset in un dato periodo. Sul piano visivo, viene rappresentato attraverso una linea che compare al di sotto delle candele, in un settore di grafico a parte rispetto al quadrante del prezzo.

Il suo calcolo è piuttosto complicato ma, per fortuna, viene interamente eseguito dalle piattaforme. Il trader deve semplicemente impostare le coordinate temporali. Convenzionalmente, l’indicatore ATR viene impostato a 14 periodi. Un numero di periodi inferiore genererebbe falsi segnali, un numero di periodi superiori risulterebbe troppo dispersiva.

ATR indicatore: come si usa

Come abbiamo già detto, la linea dell’ATR è rappresentata nella parte inferiore del grafico e consente di individuare velocemente e con precisione i momenti in cui la volatilità aumenta o diminuisce. Diversamente, l’occhio umane rischierebbe di essere ingannato dalla semplice lettura delle candele. In linea di massima, però, si può affermare che a periodi volatili corrisponde una maggiore frequenza di long candle.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Come si utilizza l’ATR?

Il suo impiego in solitaria è sconsigliato. Come tutti gli indicatori in grado di fornire informazioni sulla volatilità, l’ATR NON suggerisce le inversioni di trend, quindi i livelli di entrata e di uscita. Una fase di volatilità, infatti, non porta sempre a un cambio di direzione. Lo fa solo se sopraggiungono certe condizioni, ampiamente segnalate dai livelli di ipercomprato e ipervenduto con altri indicatori / oscillatori affiancati come RSI, ADX o Stocastico. Per questo motivo, affinché l’ATR funzioni al meglio, deve essere accompagnato ad altri indicatori, i quali magari offrono informazioni specifiche sui volumi. L’RSI, per esempio, è un ottimo compagno per l’ATR.

ATR: stop loss o trailing stops per il forex trading

Un metodo classico di utilizzo dell’ATR è legato per il calcolo dello stop loss adeguato alla volatilità del momento.

  • in momenti di elevata volatilità l’ATR tende a crescere di valore suggerendo al trader di impostare stop loss più elevati
  • in momenti di bassa volatilità l’ATR tende a diminuire di valore e suggerisce al trader di utilizzare stop loss più stretti

Allo stesso modo l’ATR suggerisce anche la distanza di trailing stops (o step trailing) da usare in base alla volatilità.

In questo video, si nota che poco prima della seconda inversione di tendenza l’RSI era basso e l’ATR era alto. Si evince, quindi, che il prezzo cambia direzione quando, in contemporanea, l’ATR segnala una elevata volatilità e l’RSI segnala un situazione non ordinaria dal punto di vista dei volumi: ipercomprato nel caso di passaggio dall’uptrend al downtrend e ipervenduto in caso di passaggio dal down trend all’up trend.

Ovviamente, nessuno vieta di utilizzare l’ATR insieme ad altri indicatori, ma il binomio più semplice da leggere, e quindi da sfruttare ai fini di trading, è proprio quello con l’RSI.

ATR opzioni binarie

Per il trading opzioni binarie l’ATR può essere utile per valutare le scadenze. Un elevato ATR indica un rischio maggiore per via della volatilità e quindi può suggerire al trader di scegliere delle scadenze più lunghe.

[callout bg=”#eeee22″ bt_content=”Prova adesso” bt_pos=”right” bt_style=”undefined” bt_link=”https://we-trading.eu/broker/opzioni/iqoption” bt_target=”_blank” bt_rel=”nofollow” bt_outer_border=”true” bt_outer_border_color=”##ffffff”]Prova l’ATR sulla piattaforma IQoption per il trading di opzioni binarie[/callout]

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino è trader online, coach di strategie di trading su indici, azioni e forex. AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come raccomandazioni di investimento personalizzate ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell’utilizzo delle informazioni presenti.

Strategia Bande di Bollinger

Le bande di Bollinger sono molto utilizzate in analisi tecnica per stabilire le probabili inversioni di tendenza e comprendere se ci si trovi in una fase ad alta o bassa volatilità. Le bande possono essere utilizzate sia in time frame brevi sia in time frame lunghi e, quindi, funzionano molto bene con trend di medio e lungo termine. Le bande di Bollinger trovano la loro validità anche nel trading in opzioni binarie, soprattutto grande ai segnali di breve periodo.

Che cosa sono le bande di Bollinger

Le bande di Bollinger, create da John Bollinger, si fondano sulla volatilità di un titolo, che viene calcolata adottando il metodo della deviazione standard. Le bande di Bollinger sono due, una superiore e l’altra inferiore e vengono calcolate partendo solitamente da una media mobile a 20 periodi, da cui viene sottratto o addizionato il valore della deviazione standard, che viene successivamente moltiplicato per un fattore F che è solitamente impostato a 2. In tal modo si ottengono due bande che segnano gli due differenti estremi:

Banda superiore: segna l’estremo rialzista, che può essere associato ad una fase di iper-comprato.

Banda inferiore: segna l’estremo ribassista, che può invece essere associato ad una fase di iper-venduto.

Formula Bande di Bollinger

Per poter comprendere la formula che sta alla base delle bande di Bollinger bisogna introdurre il concetto di deviazione standard, che viene calcolato come segue:

Dopodiché la formula per calcolare le due bande di Bollinger è semplice:

Banda superiore: si aggiunge alla media mobile (che solitamente è impostata a 20 periodi) F volte la deviazione standard (dove F è solitamente pari a 2).

Banda inferiore: si sottrae alla media mobile F volte il valore della deviazione standard.

Anche se ad una prima occhiata la formula della deviazione standard e delle bande di Bollinger possano sembrare complicare, i segnali, come succede per la gran parte degli indicatori che si utilizzano in analisi tecnica, sono di natura grafica e pertanto molto semplici da individuare.

Di seguito la tabella con i broker di opzioni binarie consigliati per mettere in pratica questa strategia

UNICO BROKER CONSIGLIATO PER INVESTIRE IN OPZIONI BINARIE

Deposito minimo: 10€
✅Prova Live la Demo
✅ Conto VIP / Zero spese / Tornei / 200+ assets
Regolatore: CySEC ✔Recensione IQ Option
✔Opinioni IQ Option ►Vai al sito
APRI UN CONTO

A cosa servono le bande di Bollinger

Le bande di Bollinger offrono due importanti segnali:

Espansione o contrazione della volatilità di un titolo

Quando le bande di Bollinger si allontanano l’una dall’altra, ossia divergono, si ha una espansione della volatilità del mercato, il che significa che il mercato si sta muovendo in una direzione ben precisa, tale direzione può essere agevolmente sfruttata per investire in modo adeguato.

Espansione di volatilità

Quando le bande convergono si ha invece una contrazione della volatilità, il che significa che vi è uno scarso interesse del mercato per il titolo osservato, in tal caso è consigliabile attendere che la volatilità riprenda per poter effettuare altri investimenti.

Contrazione di volatilità

Fasi di iper-comprato e di iper-venduto

Le fasi di iper-comprato e di iper-venduto rappresentano segnali di trading davvero molto interessanti che possono essere sfruttati sia per investimenti giornalieri sia per investimenti a breve scadenza.

Quando il prezzo del bene osservato raggiunge la banda superiore e successivamente vi rimbalza si ha un segnale di vendita poiché si raggiunge una fase in cui il titolo è stato comprato troppo rispetto alla media.

Quando il prezzo del bene osservato raggiunge invece la banda inferiore e successivamente vi rimbalza, si ha un segnale di acquisto.

BANDE DI BOLLINGER ED OPZIONI BINARIE

Le bande di Bollinger offrono ottimi segnali di entrata a mercato anche nel trading in opzioni binarie, soprattutto se si associa al segnale di trading anche una buona gestione del capitale, che dovrebbe comprendere una corretta gestione del rischio. Il rischio massimo che bisogna sostenere per ogni operazione è del 5% del capitale totale, ossia per ogni opzione binaria acquistata va investito un capitale pari al 5% del totale: se hai depositato 100€ sul tuo conto di trading online devi destinarne 5€ ad ogni opzione binaria.

Quali sono gli asset migliori?

Come per ogni investimento in opzioni binarie, gli asset migliori risultano essere quelli più volatili, ossia, quelli che suscitano maggiore interesse. Tra gli asset più volatili troviamo certamente quelli relativi al mercato valutario:

Inoltre, vanno considerati anche asset relativi alle materie prime ed all’azionario statunitense.

Quali sono i time frame da utilizzare?

I time frame da utilizzare variano al variare della scadenza dell’opzione binaria su cui si intende speculare. Le bande di Bollinger possono essere utilizzate convenientemente su molteplici time frame, vediamo come si comportano con i time frame principali. Da notare che i parametri delle bande restano invariati indipendentemente dal time frame utilizzato.

Time frame M1 per opzioni binarie a 30-60 secondi e 5 minuti

Time frame M10 per opzioni binarie a 30 e 60 minuti

Time frame H1 per opzioni binarie a scadenza oraria e giornaliera

Time frame D1 per opzioni binarie a scadenza settimanale o mensile

Esempio di investimento live

Come puoi ben vedere dal grafico del tasso di cambio eur/usd con time frame a 5 minuti, abbiamo un rimbalzo sulla banda inferiore, ciò significa che il tasso di cambio potrebbe subire un rialzo.

InvEstiamo 100€ seguendo il segnale dato dalle bande di Bollinger su una opzione binaria call con sottostante eur/usd e scadenza a 10 minuti.

Il risultato ottenuto è stato davvero molto soddisfacente, abbiamo guadagnato 72€ in soli 10 minuti di investimento, rischiando solo il 5% del capitale totale.

SCADENZE OPZIONI BINARIE E PERIODI

Le bande di Bollinger, come abbiamo già accennato, possono essere utilizzate su svariati time frame mantenendo invariati i parametri, come del resto lo stesso John Bollinger consiglia. Le scadenze su cui operare sono le seguenti:

  • Scadenze a 60-120 secondi
  • Scadenze a 5 minuti
  • Scadenze orarie
  • Scadenze giornaliere
  • Scadenze settimanali e mensili

Di seguito la tabella con i broker di opzioni binarie consigliati per mettere in pratica questa strategia

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie: vero o falso?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: