Gestione del rischio e del denaro

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Gestione del rischio e del denaro

La Gestione del Denaro è un elemento cruciale nel trading nei mercati finanziari, specialmente in tempi di grande volatilità. È un concetto difensivo che mantiene i vostri fondi in modo che possiate scambiarli durante un altro giorno e ottenere delle performance vantaggiose. A livello base vi dice se avete abbastanza denaro nuovo per scambiare posizioni addizionali.

La Gestione del Denaro / Destione del Rischio è di fatto l’aspetto che fa la differenza tra il successo e il fallimento, specialmente quando si utilizza la leva. La gestione del rischio dovrebbe essere vista come un’arma positiva del vostro arsenale di trading. Se la utilizzate in modalità strategica premedita, una solida gestione del rischio può essere utilizzata in modo offensivo e vantaggioso.

Machiavelli, il famoso scrittore del Rinascimento italiano è spesso associato con la frase “La fine giustifica i mezzi.” Con la gestione del rischio sarete in grado di gestire i vostri mezzi per raggiungere i vostri fini. Molto spesso i nuovi trader si focalizzano sulla crescita del capitale ponendo poca attenzione sulla preservazione del capitale stesso. A volte sostenere una perdita è assolutamente la cosa giusta da fare per evitare di sostenerne una ancora più grande e maggiormente catastrofica riguardo ai vostri fondi guadagnati duramente. Quindi dovete prepararvi a perdere alcune battaglie per vincere infine la guerra!

Portiamo questo a un livello facilmente comprensibile. Diciamo che avete provato un vecchio trucco giocando alla roulette e avete raddoppiato i vostri 5$ di puntata ogni volta, nella speranza di vincere alla fine. La vostra premessa è quella di avere una possibilità del 50%, quindi qualcuno potrebbe dire che è impossibile perdere 10 volte di fila. Bene, le probabilità dicono che potreste avere ragione alcune volte. Ma se volete trarre profitto sul lungo periodo questo non è assolutamente vero. Ricordatevi che la pallina della roulette non si ricorda il precedente numero sul quale si è fermata e ogni giocata è un evento nuovo e indipendente. Quindi è statisticamente inevitabile che si possano generare 10 puntate perdenti in fila e questo trasforma la perdita di una puntata da 5$ in una striscia perdente di 2560$. Se lo stesso giocatore moltiplica la sua puntata per 5 ogni volta che perde, la striscia perdente si trasformerebbe in 9,765,625$ dopo solo 10 mani giocate.

Questo potrebbe essere definito senza dubbio una cattiva gestione del denaro. Una buona gestione del denaro risulta dal comprendere che utilizzare una piccola percentuale del vostro capitale è un’ottima base di partenza. Se non gestite il vostro capitale, tanto vale andare a giocare in un casinò! La ragione numero uno per la quale i trader individuali falliscono è la mancanza di comprensione dell’applicazione dei principi di gestione del denaro. La maggior parte dei trader utilizzano la leva senza alcuna conoscenza riguardo a come possa ripulire gli account di trading molte volte a causa della normale volatilità del mercato. Il nostro approccio si focalizza sull’ottimizzazione della crescita dell’investimento utilizzando dei principi di gestione del rischio e delle tecniche di trading rigorosi. Il nostro metodo di trading, come la nostra formazione, offre la possibilità di comprendere sia il trading finanziario sul corto che lungo termine riguardo a un’ampia gamma di strumenti.

Poniamo grande attenzione riguardo alla cura del nostro cliente, visto che analizziamo le strategie di trading specifiche dei nostri studenti e le loro routine personali.

Quando viene impiegato il nostro approccio abbiamo notato che i guadagni nel trading vengono massimizzati, i costi vengono mantenuti al minimo e i trader rimangono soddisfatti.

  1. Vincitore di vari riconoscimenti
  2. Soddisfatti o rimborsati in 30 giorni!
  3. Accesso Mobile
Informazioni su di noi
Corso di Trading
PERCHÉ imparare a gestire il trading?

GENERALE: IL SITO WEB ACADEMY OF FINANCIAL TRADING È SOLO A SCOPO EDUCATIVO. L’ACADEMY OF FINANCIAL TRADING E OGNI COMPAGNIA ASSOCIATA SI RISERVANO IL DIRITTO DI NEGARE QUALSIASI RICHIESTA DI PARTECIPAZIONE AI CORSI EDUCATIVI FORNITI DALL’ACADEMY OF FINANCIAL TRADING E DA COMPAGNIE ASSOCIATE NEL CASO IL MATERIALE RELATIVO AL CORSO SIA RITENUTO NON ADDATO A CAUSA DEL DOMICILIO DEL PARTECIPANTE CHE NE HA FATTO RICHIESTA O PER QUALSIASI ALTRA RAGIONE. QUALSIASI CORSO OFFERTO AI RESIDENTI NEGLI STATI UNITI D’AMERICA VIENE DISTRIBUITO NEGLI STATI UNITI D’AMERICA DA ACADEMY OF FINANCIAL TRADING LLC (STATI UNITI D’AMERICA). QUALSIASI CORSO OFFERTO AI RESIDENTI DI QUALSIASI ALTRA GIURISDIZIONE AL DI FUORI DEGLI STATI UNITI D’AMERICA È DISTRIBUITO DA ACADEMY OF FINANCIAL TRADING EDUCATION LIMITED (IRLANDA).

DICHIARAZIONE DI NON RESPONSABILITÀ: QUALSIASI OPINIONE, NOTIZIA, RICERCA, ANALISI, PREZZI O ALTRE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO SITO WEB O QUALSIASI ALTRO MATERIALE FORNITO DA ACADEMY OF FINANCIAL TRADING E DA COMPAGNIE ASSOCIATE O DIPENDENTI È FORNITO COME COMMENTO GENERALE SUL MERCATO E NON COSTITUISCE UN CONSIGLIO DI INVESTIMENTO O UNA SOLLECITAZIONE ALL’ACQUISTO O VENDITA DI QUALSIASI SCAMBIO DI VALUTA ESTERA, CONTRATTO PER DIFFERENZA, TITOLI DI QUALSIASI TIPO – NON TIENE IN CONTO LE VOSTRE CIRCOSTANZE PERSONALI, SI PREGA DI NON EFFETTUARE SCAMBI O INVESTIMENTI BASATI SOLAMENTE SU QUESTE INFORMAZIONI. CONSULTANDO QUALSIASI MATERIALE OPPURE UTILIZZANDO LE INFORMAZIONI ALL’INTERNO DEL SITO SIETE CONSAPEVOLI CHE SI TRATTA DI MATERIALE EDUCATIVO GENERALE E NON RITERRETE QUALSIASI PERSONA O ENTITÀ RESPONSABILE PER PERDITE E/O DANNI RISULTANTI DAL CONTENUTO O DALLE INFORMAZIONI GENERALI FORNITI QUI DA ACADEMY OF FINANCIAL TRADING, I SUOI DIPENDENTI, DIRETTORI O MEMBRI. FUTURE, OPZIONI E VALUTE SCAMBIATE OFFRONO AMPI POTENZIALI DI GUADAGNO, MA ANCHE GRANDI RISCHI POTENZIALI. DOVETE ESSERE CONSAPEVOLI DEI RISCHI ED ESSERE DISPOSTI AD ACCETTARLI PER POTER INVESTIRE NEI MERCATI DEI FUTURE, DELLO SCAMBIO DI VALUTE ESTERE E DELLE OPZIONI. NON ESEGUITE DEGLI SCAMBI CON DENARO CHE NON VI POTETE PERMETTERE DI PERDERE. QUESTO SITO WEB NON È UNA SOLLECITAZIONE O UN’OFFERTA A COMPRARE/VENDERE FUTURE, EFFETTUARE SCAMBI NEL MERCATO FOREX, CFD, OPZIONI O ALTRI PRODOTTI FINANZIARI. NON VIENE FATTA ALCUNA RAPPRESENTAZIONE DEL FATTO CHE QUALSIASI ACCOUNT SARÀ IN GRADO DI OTTENERE PROFITTI O PERDITE SIMILARI A QUELLI DISCUSSI IN QUALSIASI MATERIALE ALL’INTERNO DI QUESTO SITO GUARDO. LE PRESTAZIONI PASSATE DI QUALSIASI SISTEMA DI TRADING O METODOLOGIA NON SONO NECESSARIAMENTE INDICATIVI DEI RISULTATI FUTURI. PER EVITARE QUALSIASI DUBBIO, L’ACADEMY OF FINANCIAL TRADING E QUALSIASI COMPAGNIA ASSOCIATA O DIPENDENTE, NON SI PRESENTA COME CONSIGLIERE (STAS) PER LO SCAMBIO DI BENI. DATA QUESTA RAPPRESENTAZIONE, TUTTE LE INFORMAZIONI E IL MATERIALE FORNITO DA ACADEMY OF FINANCIAL TRADING E DA QUALSIASI COMPAGNIA ASSOCIATA O DIPENDENTE È SOLO A SCOPO EDUCATIVO E NON DEVE ESSERE CONSIDERATO UN CONSIGLIO SPECIFICO DI INVESTIMENTO.

AVVERTIMENTO DI ALTO RISCHIO: FOREX, OPPURE LO SCAMBIO DI OPZIONI HANNO UN GRANDE POTENZIALE DI GUADAGNO, MA ANCHE GRANDI RISCHI POTENZIALI. L’ALTO GRADO DI LEVA POTREBBE FAVORIRVI COME SFAVORIRVI. DOVETE ESSERE CONSAPEVOLI DEL RISCHIO DI INVESTIRE IN FOREX, FUTURE E OPZIONI ED ESSERE PRONTI AD ACCETTARE I RISCHI PER POTER EFFETTUARE DEGLI SCAMBI IN QUESTI MERCATI. IL FOREX TRADING COMPORTA UN RISCHIO SOSTANZIALE DI PERDITE E NON È ADATTO A TUTTI GLI INVESTITORI. NON EFFETTUATE SCAMBI CON DENARO PRESTATO O DENARO CHE NON VI POTETE PERMETTERE DI PERDERE. TUTTE LE OPINIONI, NOTIZIE, RICERCHE, ANALISI, PREZZI O ALTRE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO SITO WEB SONO FORNITE COME COMMENTO GENERALE SUL MERCATO E NON COSTITUISCONO UN CONSIGLIO DI INVESTIMENTO. NON ACCETTEREMO RESPONSABILITÀ PER QUALSIASI PERDITA O DANNO, INCLUSO E NON LIMITATO A, QUALSIASI PERDITA DI PROFITTO, CHE POSSA DERIVARE DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE DALL’UTILIZZO O DALL’ESSERSI AFFIDATI A TALI INFORMAZIONI. RICORDATEVI CHE LE PRESTAZIONI PASSATE DI UN SISTEMA DI TRADING O METODOLOGIA NON SONO NECESSARIAMENTE INDICATIVE DEI RISULTATI FUTURI.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Gestione del denaro e rischio finanziario (Risk Management)

Quando si tratta di investire con i propri soldi, è imprescindibile cercare di riporre la massima attenzione alla gestione del denaro e alla natura del rischio che si andrà a sopportare per la propria attività di trading. ma che cosa si intende per gestione del denaro e del rischio?

�� Con AvaProtect fai trading senza preoccupazioni! Temi di perdere con una posizione? AvaTrade ti protegge…Riduci il rischio, aumenta i vantaggi. Scopri di piu’ ⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito >>

In linea di massima, possiamo definire la gestione del denaro e la gestione del rischio di un investimento o di un portafoglio come un intero sistema di misure e di attività che sono finalizzate a evitare la vostra rovina finanziaria, andando invece a misurare e a gestire il rischio di perdite e, nel contempo, cercare di utilizzare il capitale nel modo più efficiente possibile.

Rischio e rendimento

Il concetto di base delle nostre formulazioni (ci torneremo nei prossimi giorni in maniera più approfondita) è legato al fatto che in ogni investimento esiste un “compromesso” tra il rendimento e il rischio. Nessuno di questi due concetti può essere misurato con precisione, e – peraltro – non sarebbe nemmeno corretto intenderla in questo modo, valutato che i rischi da affrontare per il rendimento che ci attendiamo sono legati alla tollerabilità che ognuno di noi ha, in misura diversa dagli altri trader.

A complicare il tutto c’è poi il fatto che vivrete nella tentazione continua di cercare la felicità tipica del “rendimento”, sottovalutando a volte che dovreste mettere sull’altro piatto della bilancia il conteggio e la valutazione del livello di rischio che potrete accettare. Ricordate, in tal merito, che in ogni investimento non sarà mai garantito alcun rendimento, visto e considerato che anche il trade più “sicuro” nasconde sempre qualche pericolo.

Perciò, rammentiamo anche come il rischio possa essere inteso come l’importo e la probabilità di andare incontro a una perdita o a una serie di perdite che potreste realizzare quando si negoziano posizioni sui mercati globali.

Nessun investimento può essere redditizio al 100%

A proposito di regole fondamentali per poter valutare attentamente la bontà del vostro portafoglio, vi ricordiamo altresì che così come non esiste un investimento che non abbia mai registrato alcuna perdita in alcun asset, così non esiste nemmeno un sistema di trading che abbia fornito al suo investitore il 100% di probabilità di profitto. Insomma, cercate di intendere l’investimento profittevole al 100% come una sorta di “ideale” che non potrà mai essere raggiunto, nonostante i molti sforzi compiuti. Dunque, cercate di evitare di cadere nell’ossessione che attanaglia molti neofiti, e molti esperti: il perseguimento di una strategia di trading che sia redditizia al 100% è impossibile, e le perdite devono essere intese come un evento inevitabile.

Il controllo del rischio

Il rischio di perdite è dunque un elemento ricorrente in qualsiasi scenario di trading. E le perdite sono il pane quotidiano di ogni trader! Quel che dovrete evitare, pertanto, non sono le chiusure delle posizioni con saldo negativo, bensì la perdita superiore al vostro limite di tollerabilità. Predisporre un’attenta uscita predefinita dal mercato vi permetterà di evitare di cadere in continui dubbi su cosa sia meglio o non meglio fare: ogni giorno, infatti, i trader sono posti a continui bivi sul da farsi, poiché non sanno se mantenere posizioni in perdita o chiuderle anticipatamente con un segno negativo.

Un bivio che predisponendo un’attenta strategia di investimento riuscirete invece a evitare, pianificando con attenzione quando entrare e quando uscire, e quanta perdita massima potete sopportare.

L’obiettivo della gestione del denaro

Ma che cosa cerca di realizzare la gestione del denaro? Per arrivare a un riscontro puntuale, non possiamo che evidenziare come il compromesso tra rendimento e rischio sia il mix in grado di influenzare meglio di altri elementi il successo o il fallimento finale di una particolare strategia di trading.

Cogliendo tale spunto, non possiamo che sottolineare come quanto sopra conduca all’obiettivo principale della gestione del denaro, la massimizzazione del ritorno dal trading, con il minimo rischio.

Ora, chiarito quanto abbiamo appena condiviso con voi, appare evidente come i trader (soprattutto quelli che si stanno avvicinando in questi giorni al mondo degli investimenti finanziari), dovrebbero sempre notare come un buon modello di trading debba essere sempre “assicurato” contro le perdite eccessive, prendendo in seria considerazione il rischio.

Una accurata gestione del denaro può pertanto rendere tale approccio un modello affidabile, ma fate attenzione: la gestione dei soldi da sola non può far nulla per aiutare un approccio di investimento che non funziona!

Quando infatti scegliete di progettare una strategia, la prima mossa che ogni trader dovrà fare sarà quello di trovare un sistema sostenibile, intendendo per tale una strategia nella quale si possano chiudere un numero maggiore di operazioni redditizie rispetto alle perdite. Il sistema può essere a sua volta basato su indicatori fondamentali, su indicatori tecnici o su entrambi. Ognuno di noi segue un diverso metodo o un differente sistema di accesso al mercato, ma tutti i trader attuano un sistema di gestione del denaro che possa proteggerli dalle perdite.

Successivamente, il secondo step consiste nel determinare in quali mercati si andrà ad operare e su quali eventi / indicatori bisognerà concentrarsi. Infine, il passo ultimo consisterà nel coniugare questi sistemi ed eventi all’interno di una strategia sostenibile, un punto in cui il concetto di gestione del denaro entra finalmente in gioco.

In conclusione, vi invitiamo altresì a considerare come un altro elemento che vale la pena notare è che le teorie di gestione del denaro si concentrano principalmente sul prezzo e sul volume, e che in tale percorso l’analisi tecnica rivestirà il ruolo di indispensabile supporto. Insomma, considerato che la valutazione e il controllo del rischio sono nozioni tecniche per loro natura, i trader che usano solamente l’analisi fondamentale non saranno probabilmente in grado di valutare il rischio sul mercato con l’aiuto dei soli indicatori fondamentali, visto e valutato che per stabilire il capitale iniziale, la dimensione delle posizioni, l’asset allocation, e così via, saranno utili gli studi tecnici.

Archiviate tali riflessioni, concludiamo ricordando ancora una volta come l’obiettivo della gestione del denaro sia quello di massimizzare le situazioni migliori e di evitare o diminuire le situazioni di perdita. Nei prossimi appuntamenti discuteremo i vari concetti di rischio, e come affrontare tale scenario.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova GratiseToro opinioni
  • Licenza: CySEC
  • Vasta scelta di CFD
  • Deposito min: 100 €
Piattaforma per professionisti – Vasta scelta di CFD Prova GratisPlus500 opinioni
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova GratisETFinance opinioni
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova GratisAvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Cos’è il Money Management? Guida alla gestione del rischio

24 Luglio 2020 – 10:58

24 Luglio 2020 – 11:04

Guida completa alla corretta gestione del rischio nel trading. Cos’è il money management, consigli utili, esempi, formule di Larry Williams e Kelly e tecniche di base.

Cos’è il money management e perché è così utile agli investitori e ai risparmiatori? Quali sono le tecniche di base di gestione del capitale e in che modo si possono applicare agli investimenti?

Letteralmente, l’espressione “money management” si traduce in italiano come “gestione del denaro” e indica quel processo di corretta gestione delle finanze che coinvolge gli investimenti, i bilanci, le tasse e i servizi bancari.

La serie di tecniche del money management sono volte a massimizzare il profitto, cercando di ridurre le perdite potenziali. Queste regole sono applicabili a tutte le tipologie di investimento e servono per gestire in modo efficace i propri soldi.

Spesso si parla di money management riferendosi agli investimenti e in termini di «gestione del rischio», ma si intende anche in riferimento alla corretta gestione da parte di un semplice risparmiatore che vuole amministrare correttamente il proprio denaro.

Money management: sommario

Cos’è il money management?

Il money management – la gestione del rischio sul proprio capitale – racchiude una serie di tecniche strategiche con il fine di massimizzare i profitti – qualsiasi sia l’ammontare investito.
Il money management si divide in due grandi ambiti:

  • risk management: un fattore che analizza i rischi che corre il capitale investito, in base alla posizione che si ha sul mercato;
  • position sizing: fattore individua il capitale da investire su ogni singola posizione e la ripartizione sui vari asset.

Il money management è utilizzato soprattutto nella gestione degli investimenti, in modo particolare nella definizione del rischio che alcune decisioni potrebbero comportare, in base alle incertezze della situazione presente.
Più precisamente, la gestione del rischio riguarda la percentuale o la parte del benessere economico che chi prende la decisione di investire mette sostanzialmente «a rischio».

La gestione del rischio svolge non soltanto una funzione di «protezione» delle finanze, ma anche e soprattutto è utile a velocizzare la scelta dell’investitore che, con gli opportuni calcoli, può valutare la profittabilità di un investimento.

L’idea di definire una tecnica del money management è nata per ridurre le spese di risparmiatori, investitori, imprese ed istituzioni che non aggiungono valore significativo allo standard di vita, al portafoglio investimenti sul lungo tempo e al titolo degli asset posseduti. Quindi un complesso di strategie volte ad evitare di apportare scelte sbagliate al proprio patrimonio.

Warren Buffett, magnate della finanza, conosce bene l’importanza del money management e in uno dei suoi documentari ha scoraggiato la prospettiva degli investitori propensi ad appoggiare solamente degli investimenti «frugali».

Punti fondamentali della teoria

Tutti i trader che investono tenendo conto del money management cercano di mettere al riparo il proprio portafoglio e per tale ragione creano una strategia d’investimento.
Ogni trader creerà una strategia differente, basata sulle proprie esigenze e sugli obiettivi che vuole conseguire.

Esistono però dei punti fondamentali, che sono la base per ideare ogni strategia di trading e che si devono conoscere. I punti fondamentali del money management sono i seguenti:

  • il capitale deve essere adeguato allo strumento finanziario su cui si è deciso di investire;
  • non investire mai più del 2/3% del proprio portafoglio per una singola azione;
  • utilizzare sempre lo stop-loss, in questo modo si limiteranno le perdite;
  • individuare il rischio massimo per il portafoglio, drawdown;
  • conoscere in modo approfondito il mercato sul quale si è deciso di investire;
  • considerare ogni operazione come singola e non in relazione alle precedenti;
  • in caso di profitti chiudere parte delle posizioni aperte.

    Questi sono i fondamenti del money management, le basi che ogni trader conosce. Per rendere tutto più chiaro, sarà meglio fare un esempio pratico, così da capire come influiscono queste regole sulle vostre posizioni.

Esempio pratico

Vediamo quindi come si applicano le regole del money management. Questo esempio potrà infatti chiarire le idee e mostrare l’importanza della gestione del rischio.

Una delle regole fondamentali del money management, come abbiamo detto prima, è non rischiare mai più del 2-3% del proprio capitale su un singolo posizionamento.
La tabella sottostante vi mostrerà la differenza tra rischiare una piccola percentuale del capitale rispetto al rischio di una percentuale più elevata.

Rischio del trader: 2% vs 10% su ogni trade

Trade Totale 2% di rischio Trade Totale 10% di rischio
Conto per trade Conto su ogni trade
1 $20,000 $400 1 $20,000 $2,000
2 $19,600 $392 2 $18,000 $1,800
3 $19,208 $384 3 $16,200 $1,620
4 $18,824 $376 4 $14,580 $1,458
5 $18,447 $369 5 $13,122 $1,312
6 $18,078 $362 6 $11,810 $1,181
7 $17,717 $354 7 $10,629 $1,063
8 $17,363 $347 8 $9,566 $957
9 $17,015 $340 9 $8,609 $861
10 $16,675 $333 10 $7,748 $775
11 $16,341 $327 11 $6,974 $697
12 $16,015 $320 12 $6,276 $628
13 $15,694 $314 13 $5,649 $565
14 $15,380 $308 14 $5,084 $508
15 $15,073 $301 15 $4,575 $458
16 $14,771 $295 16 $4,118 $412
17 $14,476 $290 17 $3,706 $371
18 $14,186 $284 18 $3,335 $334
19 $13,903 $278 19 $3,002 $300

Si può notare una grande differenza tra il rischiare il 2% del vostro conto rispetto al rischio del 10% su ogni singolo trade.
Se vi capitasse di registrare una serie negativa di posizionamenti perdendo per 19 operazioni consecutive vi trovereste ad avere solo 3.002 dollari rischiando il 10% su ogni transazione e muovendo da un conto iniziale di 20.000 dollari.

Perdereste così oltre l’85% del vostro conto. Se aveste rischiato solo il 2% avreste ancora 13.903$ – per una perdita di solo il 30% del totale del conto. Una bella differenza.

Naturalmente, l’ultima cosa che vorremmo è trovarci in una situazione in cui si registra una perdita per 19 operazioni di fila. Ma anche con una perdita di 5 posizionamenti consecutivi ci si presenta un’enorme differenza tra il rischiare il 2% e il 10% del proprio capitale.

Nel primo caso avreste ancora $18.447, mentre nel secondo solo $13.122.

Il punto che questo esempio vuole sottolineare è che dovete impostare le regole di gestione del denaro in modo che in un periodo di drawdown avrete comunque un capitale sufficiente per rimanere in gioco.
Non dovrete inoltre mai pensare “a me non succederà mai”, perché la volatilità del mercato può giocare brutti scherzi.

Money Management: consigli utili

I consigli utili da seguire per capire se vale la pena effettuare un investimento secondo le buone regole del money management sono:

  • evitare qualsiasi tipo di spesa troppo «pretenziosa»;
  • scegliere sempre l’alternativa economicamente più vantaggiosa;
  • aumentare le spese sul fronte fruttifero più di ogni altra cosa;
  • stabilire i benefici attesi di ogni spesa desiderata, utilizzando come canone il livello più/meno/uguale degli standard di vita del sistema.

    Le tecniche di money management sono pensate per ottimizzare gli investimenti e moltiplicare i profitti, riducendo al minimo le possibilità di perdita.
    Di conseguenza evitate di muovervi senza applicarle e di aprire posizioni senza aver prima considerato in modo consono i rischi che si corrono.

Come funziona il money management

Un corretto money management prevede, oltre all’applicazione delle regole sopra, la definizione un budget di spesa e un’analisi dei profitti e, nel trading, la gestione del rischio è opportuno che venga integrata nella propria strategia di trading.

Un altro passo importante da compiere è quello di definire le attese, le previsioni di perdita o di profitto, una media di denaro che l’investitore mette in conto di vincere o perdere.
Per questa ragione sono indispensabili nel money management due formule:

  • formula di Kelly;
  • formula di Larry Williams.

    Queste vengono applicate per riuscire a trovare la position size ottimale, ossia per capire quale deve essere il nostro posizionamento. Quindi mediante queste formule si deciderà la quota del capitale che si dovrà investire su ogni singolo asset.

La formula di Kelly

La formula di Kelly nasce per ben altro scopo, essa infatti veniva impiegata dai giocatori d’azzardo per ottenere il massimo profitto dalle loro scommesse sul un lungo periodo di tempo. La formula è stata poi applicata al mercato finanziario per capire la quantità di capitale da investire per ogni posizione.

La formula è la seguente:
F=W-(1-W)/R

Dove:
F: singola operazione;
W: probabilità che ogni azione diventi un risultato positivo;
R: valore medio dato dalle azioni chiuse in positivo e quelle chiuse in negativo.

In modo più semplice la formula di Kelly si può tradurre nel seguente modo:

Atteso = (Probabilità di successo del sistema di Trading * Media delle vincite) – (Possibilità di insuccesso del sistema di Trading * Media delle perdite)

Ad esempio, ipotizzando l’uso di un sistema di trading che ha il 60% di possibilità di insuccesso e solo il 40% di vittoria, grazie al money management un trader può stabilire una media di vittoria nettamente più elevata rispetto alle perdite medie.

Sì, anche un sistema di trading del genere può dimostrarsi molto profittevole. Se l’investitore stabilisce la media di vittoria a circa 400 Euro per operazione e gestisce/limita le perdite a circa 100 Euro ad operazione, allora l’aspettativa sarà:

Aspettativa = (Probabilità di successo del sistema di Trading * Media delle vincite) – (Possibilità di insuccesso del sistema di Trading * Media delle perdite) = (0.4 x 400) – (0.6 x 100) = 160€ – 60€ = 100€ di utile netto medio per il profitto del trade (chiaramente da questo conto sono escluse eventuali commissioni dei broker).

La formula di Larry Williams

La formula di Larry Williams è invece un’evoluzione della formula che vi abbiamo presentato sopra. Mediante questa formula si potranno calcolare le azioni per la posizione da adottare sul mercato, rapportate con il rischio che vadano in altra direzione rispetto a quella preventivata.
La formula di Larry è la seguente:

F = (Capitale x Rischio%) / massimo drawdown

Anche in questo caso F è la singola operazione, mentre il drawdown rappresenta la quantità di soldi che si è disposti a perdere. Questo indice è però molto aleatorio e impostato mediante parametri molto personali.
Di conseguenza il trader dovrà tenerlo presente, ma non considerarlo come uno strumento infallibile.

Come massimizzare i profitti

Registrare una perdita per un posizionamento sbagliato capita a qualsiasi trader ed è proprio per questo motivo che è importante una formazione approfondita e consapevole riguardo un corretto money management , il cui scopo è la massimizzazione del profitto e la riduzione al minimo delle perdite, a prescindere dal sistema di trading.

Vediamo adesso un altro esempio che vi illustrerà qual è la percentuale che dovreste guadagnare per portarvi al pareggio nell’eventualità di perdere una certa percentuale del vostro conto.

Loss of % Required to get back
Capital to breakeven
10% 11%
20% 25%
30% 43%
40% 67%
50% 100%
60% 150%
70% 233%
80% 400%
90% 900%

Si può vedere che quanto più si perde, più è difficile tornare all’ammontare originale del conto di partenza. Questo è un motivo ulteriore per cui si dovrebbe fare tutto il possibile per proteggere e preservare il proprio ammontare.

Si dovrebbe rischiare solo una piccola percentuale in modo che si possa sopravvivere alle sequenze perdenti e anche per evitare un drawdown di grandi dimensioni.

Iscriviti alla newsletter Formazione Finanziaria per ricevere le news su Money Management

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie: vero o falso?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: