Europa la Germania e popolarissima

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Europa: la Germania è popolarissima

L’economia europa più grande è senz’altro quella tedesca ma la Germania, che sembra essere l’unico paese che ha resistito alla crisi, non gode di una buona considerazione negli altri paesi che addirittura pensano che sia colpa dei tedeschi se l’Europa è ancora in questa condizione.

Un’indagine condotta dalla BBC ha rivisto la stima della popolarità delle nazioni e in modo molto sorprendente sta crescendo la considerazione della Germania. Il campione analizzato sono le risposte offerta da 26 mila persone intervistate in 25 paesi sparsi per il mondo.

A questi cittadini è stato chiesto di votare per 16 paesi e poi anche per l’Unione Europea. E’ stato chiesto loro un giudizio complessivo, una sensazione, in pratica è stato chiesto se l’influenza dei 16 paesi fosse positiva o negativa sul mondo. Un discorso analogo è stato fatto per il Vecchio Continente nel suo complesso.

Il risultato dell’indagine è stato il seguente: al primo posto non c’è più il Giappone che ha perso la sua popolarità vedendo il rating scendere dal 58 al 51 per cento. Oggi, il Giappone, in questa particolare classifica, è soltanto quarto.

Il primo gradino del podio, invece, è occupato dalla Germania che ha ottenuto una valutazione positiva dal 59 per cento dei partecipanti al sondaggio che hanno detto che l’economia e la società tedesche possono avere un’influenza positiva sul resto del mondo.

Tag: germania

Germania: aumenta le spese per la crisi

Reagire alla crisi è diventato un imperativo ma le strategie adottate dai singoli paesi cambiano in base alla natura economica della classe politica al governo. In queste ultime settimane ad…

di Luigi Boggi – 31 Luglio 2020

Europa: Schäuble vuole aiutare ancora la Grecia

La Grecia è l’emblema della crisi europea. Una nazione che non è stata in grado di fare le riforme strutturali necessarie per rimettere a posto il paese ed ora deve…

di Luigi Boggi – 29 Luglio 2020

Germania: confermata la tripla A

L’agenzia di rating americana Standard&Poor’s ha avviato una revisione del rating dei paesi che fanno parte del Vecchio Continente ed ha deciso di operare una netta distinzione in seno all’Unione…

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

di Luigi Boggi – 16 Luglio 2020

UE: la Germania se la prende con l’euro

Il mercato Forex, in questo periodo, soprattutto con riguardo all’euro, è condizionato dalla politica. L’ultima nazione a prendersela con la moneta unica del Vecchio Continente è addirittura la Germania.

di Luigi Boggi – 10 Giugno 2020

UE: Draghi favorisce Italia e Spagna?

Tutta l’Europa deve ritrovare competitività ma si sa che il Vecchio Continente, sulla strategia da mettere in campo, è stato chiaro fin dall’inizio: non ci affiderà alla politica monetaria decisa…

di Luigi Boggi – 30 Maggio 2020

UE: il pericoloso ruolo della Germania

Nella crisi che sta attraversando l’euro, un posto d’onore tra i responsabili della situazione, spetta sicuramente alla Germania che in fondo, secondo diversi analisti, anche tedeschi, potrebbe presto portare in…

di Luigi Boggi – 29 Maggio 2020

Europa: la Germania è popolarissima

L’economia europa più grande è senz’altro quella tedesca ma la Germania, che sembra essere l’unico paese che ha resistito alla crisi, non gode di una buona considerazione negli altri paesi…

di Luigi Boggi – 27 Maggio 2020

Opzioni binarie: la Germania contro l’Italia

Il nostro paese non solo naviga in cattiva acque ma non è ben visto dalla Germania che in questo momento sta facendo di tutto per ostacolare il nostro paese. Ecco…

di Luigi Boggi – 13 Maggio 2020

Opzioni binarie: la crisi della Francia e del resto d’Europa

L’ex presidente della Banca Mondiale ha di recente lanciato l’allarme: il prossimo paese ad affrontare la crisi sarà la Francia che non è stata in grado di fare le riforme…

di Luigi Boggi – 29 Marzo 2020

Germania: tra evasione miliardaria e accuse all’Italia

Il nostro paese ha dovuto incassare la scelta di Fitch di declassare i conti tricolore e il downgrade è arrivato proprio nel momento in cui il Parlamento si accingeva alla…

di Luigi Boggi – 18 Marzo 2020

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

LIBRE

E’ stata la Germania a infettare l’Europa, inguaiando l’Italia

Scritto il 06/3/20 • nella Categoria: segnalazioni Condividi Tweet

Se qualcuno non aveva ancora capito che l’Europa unita non esiste, a spiegarglielo ora provvede il coronavirus: di fronte all’emergenza sanitaria, un peso massimo come l’Italia viene lasciato completamente solo. Da Bruxelles, nessuna indicazione su come affrontare l’epidemia in modo coordinato. Ma c’è chi fa peggio: la Germania. Sarebbero stati proprio i tedeschi a infettare il resto del continente. O almeno: è tedesco il primo caso conclamato di coronavirus in Europa, ben prima del famigerato focolaio di Lodi. Ma a Berlino si sono ben guardati dal segnalarlo: e così il virus si è diffuso, estendendosi ovunque, ma lasciando alla sola Italia il ruolo pubblico dell’untore. Lo afferma Marco Pugliese, in una ricostruzione sul “Sussidiario”: potrebbe essere stato un 33enne tedesco ad avere diffuso il coronavirus in Europa. Però Berlino ha taciuto le informazioni e l’Italia ne sta pagando il prezzo. La notizia mette in imbarazzo «sua maestà la Germania». E così, «il paese più affidabile per antonomasia, in Europa, si scopre nudo». Attenti: «Mentre in Italia si litigava riguardo a quarantene e selfie in ristoranti cinesi, in Germania si consumava il fatto che avrebbe dato origine all’epidemia di coronavirus destinata a stravolgere il Belpaese».

Il “paziente zero”, un uomo di 33 anni, il 20 e il 21 gennaio aveva partecipato ad un meeting a Shanghai, insieme a una collega. «La donna, in Germania dal 19 al 22 gennaio, era asintomatica. Accusò primi malori il 26 gennaio, proprio durante il volo di ritorno in Cina, e risultò positiva al virus 2020-nCov». La donna, continua Pugliese sul “Sussidiario”, informò tempestivamente i colleghi tedeschi della sua positività. Ma nel frattempo l’uomo, reduce da una breve influenza, era già rientrato al lavoro: «Fu trovato positivo, anche se ormai asintomatico». Oltre a ciò, il 28 gennaio risultarono positivi altri tre impiegati dell’azienda. «Il caso creò scalpore, per il fatto che fossero presenti soggetti privi di sintomi». Secondo Pugliese, è proprio questo «l’episodio chiave all’origine della diffusione europea». Osserva il giornalista: «Le sequenze genetiche del coronavirus ottenute dalla ricerca italiana non sono ancora numerose, ma attestano una certezza: non è colpa degli italiani se l’infezione si è diffusa». Una mappa genetica pubblicata da “nextrstrain.org” evidenzia inoltre come lo stesso caso tedesco «potrebbe essere stato all’origine di una catena di contagi, ed essere collegato a molti casi in Europa e in Italia».

Le infezioni in Messico, Finlandia, Scozia e Italia, e perfino i primi casi in Brasile, appaiono geneticamente simili al focolaio di Monaco, aggiunge il “Sussidiario”. «Uno scenario totalmente capovolto, rispetto a quello narrato nell’ultimo periodo». E qui è intervenuta la grande manipolazione: la Germania ha comunicato il tutto «con una certa furbizia, giocando con le parole». Il primo contagio è stato infatti descritto come “unicum scientifico”, abilmente veicolato come “scoperta di contagio asintomatico”. «Vero, ma eludendo si trattasse d’un focolaio». Poi, tramite il ministro della salute, Berlino «ha parlato di pandemia, ma descrivendo il tutto come “problema mondiale”». Di fatto, «una narrazione in cui la Germania “scopre” e “avverte”». Falso: «In realtà ha in casa un focolaio mal controllato (e non apertamente comunicato) e delle dichiarazioni fumogene riguardo possibili pandemie». Tutto questo, «senza esporre alla dura legge del mercato la Germania, che nel frattempo non utilizzava tamponi e classificava contagi e decessi dovuti all’influenza classica, di fatto puntando la pistola fumante verso Roma».

Aggiunge lo stesso Pugliese: «Molti tedeschi in ferie, soprattutto in Italia, vennero tamponati al ritorno in Germania e trovati positivi. Dando la notizia in questo modo, l’intento era di far passare gli italiani come responsabili del contagio europeo, almeno indirettamente». E così, «l’Italia «finiva sott’acqua, con un Conte incredulo e frastornato dinanzi all’aumento dei casi, con il governo in discussione e sotto accusa. Il crollo in Borsa ha fatto il resto: «Mercati e mezzo mondo hanno iniziato a sfiduciare il paese, all’improvviso solo e considerato poco affidabile». E’ stata «una narrazione tremenda, che ha fatto crollare l’economia italiana tramite uno scossone peggiore a quello dovuto all’11 Settembre». Hanno vinto i “furbi”: «Germania (e anche Francia) hanno continuato con una politica mediatica d’omissione, che di rimbalzo ha portato l’Italia sull’orlo del baratro». Il governo tedesco? «Non ha solo cercato di contenere il morbo, ma anche il nefasto effetto economico prodotto dall’immagine di un “paese in quarantena”. Dopo la scoperta del “paziente zero”, anche l’Ecdc (European center for disease prevention and control), infatti, lascia intendere che anche altri Stati Ue siano già nello stessa situazione dell’Italia ma non lo dicano».

Ora, riassume Pugliese, non interessa colpevolizzare chi s’ammala e diffonde, ma sottolineare «una pessima quanto faziosa comunicazione europea, che in aggiunta a qualche errore del nostro governo ha trasformato l’Italia nella nazione untrice per antonomasia (una situazione simile alla Cina)». L’Italia si è vista quindi caricata di un doppio fardello: «Da una parte contenere il virus con misure forti, dall’altra evitare di passare come “grande focolaio europeo”, a tutto discapito della salute e della Borsa». Uno scenario deleterio, conclude il “Sussidiario”, da cui in queste ore si sta cercando di uscire «grazie ad uno studio che di fatto scagiona il nostro paese, ma ci fa capire quanto la Ue sia in pezzi», visto che «quel che ha subito l’Italia avrebbe potuto essere evitato». Una Ue sempre più in frantumi e una Germania non proprio affidabile: «Sono le due certezze partorite da questa crisi, che è sempre più logorante». Ma perché a pagare è sempre l’Italia? «Perché è uno Stato giovanissimo», sostiene Gianfranco Carpeoro, saggista, su YouTube: «Siamo una nazione unita solo da 150 anni. Prima, gli abusi stranieri sulla penisola erano ancora peggiori». Ma l’Ue non dovrebbe impedire tutto questo? «Certo, se solo esistesse: ma una vera Unione Europea non è mai nata».

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie: vero o falso?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: