Dollaro Neozelandese, la Banca Centrale tenta di frenare l’inflazione

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Dollaro Neozelandese, la Banca Centrale tenta di frenare l’inflazione

Succede già da qualche settimana, soprattutto nel breve periodo. Dollaro neozelandese e dollaro australiano fanno fatica a muoversi in maniera correlata, ne abbiamo avuto conferma anche dopo la decisione sui tassi da parte della RBNZ.
Sempre al fine di raffreddare l’immobiliare e con l’evidente contraddizione che viene portata avanti dalla Reserve Bank of New Zealand, ovvero il desiderio di vedere una divisa più debole rispetto ai valori raggiunti attualmente, la RBNZ ha alzato come da attese i tassi dal 3.00% al 3.25%. A differenza della BCE, spiega Matteo Paganini di DailyFx che non prende posizione sul tasso di cambio in quanto non facente parte dei propri target, la RBNZ si è definita sorpresa che il valore del dollaro neozelandese non si sia ridimensionato assieme al calo del prezzo delle materie prime, ma si attendono che questo accada.

Oltre a ciò, la Banca capitanata da Wheeler ha dichiarato apertamente che un tasso di cambio così alto non è sostenibile, pensando alla crescita economica futura. Nello stesso tempo però, le pressioni inflazionistiche che gravano sull’immobiliare fanno sì che si decida di alzare il costo del denaro, al fine di incentivare le sottoscrizioni di titoli che pagano un risk free (governativi, per esempio), in modo tale da drenare liquidità in circolazione e quindi l’inflazione. Il problema è che, di fronte ad un mercato globale dove i rendimenti latitano (pensiamo ai tassi di interesse relativi alle maggiori economie consolidate), gli investitori vanno a ricercare qualche lido sicuro ed in grado di offrire un duplice effetto prezzi-tassi, quello che la Nuova Zelanda è ben in grado di fare.

Tag: banca

Banca Centrale Portoghese aiuta Banco Espirito Santo

Il governatore della Banca Centrale di Lisbona, Carlos Costa, ha comunicato l’operazione al fine di evitare il fallimento del terzo polo bancario del Paese e evitare una nuova crisi finanziaria….

di Luigi Boggi – 5 Agosto 2020

Potrebbero aprirsi nuovi orizzonti economici per gli emergenti

È prevista una riunione dei leader delle cinque principali economie emergenti, i cosiddetti Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) in Brasile per ideare un nuovo assetto finanziario post-crisi, di…

di Luigi Boggi – 1 Agosto 2020

Dollaro Neozelandese, la Banca Centrale tenta di frenare l’inflazione

Succede già da qualche settimana, soprattutto nel breve periodo. Dollaro neozelandese e dollaro australiano fanno fatica a muoversi in maniera correlata, ne abbiamo avuto conferma anche dopo la decisione sui…

di Luigi Boggi – 15 Giugno 2020

La Danmarks Nationalbank pensa ad una politica monetaria diversa

Entro i primi sei mesi dell’anno, la banca Centrale della Norvegia, potrebbe decidere verso un restringimento della Politica Monetaria dopo un’esperienza di tassi negativi inaugurata nel 2020.

di Luigi Boggi – 2 Marzo 2020

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Forex e banche centrali: ruolo e impatto sul trading delle valute

3 Ottobre 2020 – 11:31

10 Novembre 2020 – 10:40

Il ruolo delle banche centrali più importanti nel mondo nel mercato del Forex. Ecco come la politica monetaria e i tassi di interesse influenzano l’andamento delle valute.

Le banche centrali hanno un ruolo fondamentale nel Forex trading: i cambiamenti di politica monetaria e le decisioni sui tassi di interesse di riferimento hanno un forte impatto su ogni valuta dei Paesi di riferimento.

Ecco in che modo le banche centrali influenzano l’andamento delle valute e che ruolo hanno nel mercato del Forex.

Forex: il ruolo delle banche centrali

I tassi di interesse, stabiliti da ogni banca centrale, influenzano fortemente il mercato di cambio delle valute. Essi incoraggiano gli investitori internazionali ad investire il loro denaro nel cambio forex al fine di ottenere un alto rendimento.

Per molti anni, i differenziali dei tassi tra i paesi sono stati di notevole interesse per gli operatori professionali. Tuttavia, gli operatori più individuali non si rendono conto che la cosa più importante qui non è il valore assoluto di ogni tasso di interesse, ma le aspettative di tassi futuri.

La comprensione delle finalità e delle modalità operative di una banca centrale permette a un trader di predire una tendenza probabile nel forex o una tendenza nelle coppia di valute.

Per molte banche centrali, l’inflazione è una priorità. Se l’inflazione (di solito misurata dal Consumer Price Index) è al di sopra dell’obiettivo della banca centrale, il trader si può aspettare di vedere una politica monetaria più restrittiva. Allo stesso modo, se mantenere l’inflazione sotto controllo non è l’obiettivo, la banca centrale cercherà di allentare la sua politica monetaria.

Combinando le relative politiche monetarie delle due banche centrali, un trader può quindi prevedere l’andamento di una coppia di valute. Se una banca centrale alza i tassi di interesse, mentre un’altra conferma i suoi tassi, la valuta il cui tasso aumenta è probabile si apprezzi nei confronti dell’altra (salvo imprevisti).

Le banche centrali più importanti nel mercato del Forex sono:

  • Federal Reserve degli Stati Uniti,
  • BCE (Banca Centrale Europea),
  • Banca d’Inghilterra (BoE)
  • Banca del Giappone (BoJ),
  • Banca Nazionale Svizzera (BNS),
  • Banca del Canada (BoC),
  • Reserve Bank d’Australia (RBA),
  • Reserve Bank di Nuova Zelanda (RBNZ).

Ecco i profili delle banche centrali più influenti al mondo, che con il loro orientamento di politica monetaria e i tassi di interesse hanno effetti sulle valute più importanti nel Forex, come dollaro USA, Euro, Sterlina e Yen.

Struttura: La Federal Reserve è probabilmente la banca centrale più influente del mondo. Il 90% delle transazioni nel mercato valutario vengono eseguite utilizzando il dollaro, quindi le decisioni della Fed pertanto hanno effetti sulla valutazione di molte valute. Il Federal Open Market Committee (FOMC), che si compone di sette governatori della Federal Reserve e cinque presidenti dei dodici distretti della Federal Reserve, fissa i tassi di interesse all’interno della Fed.
Il presidente della Federal Reserve statunitense è Janet Yellen.

Obiettivo: la stabilità dei prezzi a lungo termine e una crescita sostenibile.

Frequenza degli incontri: otto volte l’anno.

Struttura: La Banca Centrale Europea (BCE) è stata fondata nel 1999. Il consiglio della BCE decide quali modifiche di politica monetaria saranno fatte. Il consiglio è composto dai sei membri del comitato esecutivo della BCE e i governatori delle banche centrali nazionali dei diciassette paesi della zona euro. Come una banca centrale, la BCE non ama sorprese. Pertanto, ogni volta che intende cambiare il suo tasso di interesse, mette in guardia il mercato attraverso comunicati stampa.
Il presidente attuale della BCE è Mario Draghi.

Obiettivo: La stabilità dei prezzi e la crescita sostenibile. Tuttavia, a differenza della Fed, la BCE si sforza di mantenere l’aumento annuale dei prezzi al consumo inferiore al 2%. L’economia europea dipende dalle sue esportazioni, per cui la BCE cerca di contenere la forza della sua moneta in modo da limitare i rischi di cambio connessi con le esportazioni.

Frequenza degli incontri: due volte a settimana, ma le decisioni di politica monetaria sono generalmente prese durante gli incontri che sono seguiti da una conferenza stampa (11 volte l’anno).

Struttura: il comitato della Banca di Inghilterra dispone di 9 membri: 1 governatore, 2 vice-governatori, 2 amministratori esecutivi e 4 esperti esterni. La BoE, sotto la guida di Mark Carney, è ampiamente considerata come la più efficace delle banche centrali.

Obiettivo: conservare prezzi stabili e la fiducia nella moneta. Per raggiungere questo obiettivo, la banca centrale ha un obiettivo di inflazione del 2%. Se i prezzi rompono questo livello, la banca centrale cercherà di frenare l’inflazione, mentre un livello inferiore al 2% porterà la banca centrale ad adottare misure per stimolare l’inflazione.

Frequenza degli incontri: mensile.

Valuta: Yen (JPY).

Struttura: Il comitato della Banca del Giappone è costituita dal governatore della BoJ, 2 vice governatori e 6 altri membri. Il Giappone è fortemente dipendente dalle sue esportazioni, la BoJ ha quindi un interesse maggiore della BCE nel prevenire che sua moneta di diventi troppo forte. La BoJ è conosciuta per indebolire la propria moneta artificialmente attraverso la vendita in cambio del dollaro o dell’euro.

Obiettivo: mantenere la stabilità dei prezzi e garantire la stabilità del sistema finanziario. L’inflazione è la preoccupazione principale della BoJ.

Frequenza degli incontri: Una o due volte al mese.

Struttura: Il comitato della Banca nazionale svizzera si compone di tre individui. A differenza di molte altre banche centrali, la Banca nazionale prevede un intervallo di tasso di interesse, piuttosto che un obiettivo specifico. Come il Giappone e l’Eurozona, anche la Svizzera dipende fortemente dalle esportazioni, il che significa che la BNS ha anche un certo interesse ad evitare che la sua moneta diventi troppo forte. Pertanto, l’orientamento generale della banca è prudente nell’aumentare i tassi di interesse.

Obiettivo: assicurare la stabilità dei prezzi tenendo conto della situazione economica.

Frequenza degli incontri: trimestrale.

Struttura: Le decisioni di politica monetaria prese presso la Banca centrale del Canada sono state effettuate dal consiglio dei governatori, che è composto dal governatore della Banca del Canada, il vice governatore senior, 4 Vice Governatori e 12 amministratori nominati dal governo.

Obiettivo: mantenere l’integrità e il valore della loro valuta. La banca centrale ha un obiettivo di inflazione dell’1-3%. Essa è riuscita a mantenere l’inflazione all’interno di questa gamma dal 1998.

Frequenza degli incontri: otto volte l’anno.

Struttura: Il comitato di politica monetaria dela Banca di Australia è costituito da governatore della banca centrale, il vice governatore, il segretario del Tesoro e 6 membri indipendenti nominati dal governo.

Obiettivo: garantire la stabilità della moneta, nonché mantenere la piena occupazione, la prosperità economica e il benessere del popolo australiano. La banca centrale ha un obiettivo di inflazione del 2-3% all’anno.

Frequenza degli incontri: undici volte l’anno, di solito il primo martedì di ogni mese (tranne a gennaio).

Struttura: A differenza di altre banche centrali, il potere decisionale in termini di politica monetaria poggia in ultima analisi sul governatore della banca centrale.

Obiettivo: mantenere la stabilità dei prezzi ed evitare l’instabilità in termini di produzione, di tassi di interesse e di tassi di cambio. La RBNZ ha un obiettivo di inflazione dell’1,5%, se questo obiettivo non viene raggiunto, il governatore della RBNZ può eventualmente essere licenziato.

Frequenza degli incontri: otto volte l’anno.

Perché indebolire la propria valuta?

Istintivamente, e forse un po’ ingenuamente, si potrebbe supporre che le banche centrali tendano a rafforzare la propria valuta, ma in questi ultimi periodi ci stiamo rendendo conto che molti istituti centrali cercano di operare nella direzione inversa, ovvero nel senso della svalutazione. Perché? Quali sono le cause? E quali potrebbero essere gli effetti di questi «sbalzi» valutari?

Tutto ha origine dal timore della possibilità di una recessione economica globale che spinge gli investitori grandi e piccoli a cercare qualche sicurezza nei beni e nelle valute «rifugio» (safe havens) come ad esempio l’oro, il franco svizzero o lo yen giapponese, considerati per molti versi come «paradisi» in grado di difendere gli investitori e i loro investimenti dal contagio della piaga della crisi economica. Se gli investitori fuggono dai «pilastri» dei mercati come il Dollaro Americano o l’Euro, ne consegue che i safe havens aumentino il loro valore rispetto ai primi.

Ma l’economia non è fatta di soli mercati finanziari e valutari, l’aumentare di valore di certe valute rispetto ad altre accende l’allarme del pericolo deflazione e della ricaduta sul settore delle esportazioni. Soprattutto perché Europa e Stati Uniti rappresentano i «grossi» clienti di queste economie.

Iscriviti alla newsletter Formazione Finanziaria

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie: vero o falso?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: