Apple non e piu regina di Wall Street, deve cedere ad Exxon

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Apple non è più regina di Wall Street, deve cedere ad Exxon

Investire in opzioni binarie è sicuramente un modo per rischiare poco e guadagnare tanto, ma per risicare un po’ di più del solito, sarà bene fare delle piccole incursioni anche nel mercato.

In quello americano c’è un evento molto importante del quale erano già disponibili delle avvisaglie nelle settimane e nei mesi scorsi: l’inversione di tendenza dell’incedere di Apple. Il titolo dell’azienda di Cupertino non convince più come quando c’era Steve Jobs e così ci si ritrova a fare i conti con i giudizi perentori degli investitori.

Venerdì, alla chiusura della Borsa di New York, i mercati hanno fatto segnare delle performance settimanali, così buone, che non si vedeva una cosa simile dal 2004. Le maggiori compagnie americane hanno portato a casa degli incoraggianti dati trimestrali. Sicuramente ha avuto un peso positivo la decisione votata alla Camera, di far scivolare fino alla metà di maggio il voto sul tetto del debito.

Un momento che per i mercati si può definire euforico, questo qui. Non per tutti, ovviamente e parliamo proprio di Apple che è stata la nota stonata nell’incedere armonioso di Wall Street. Apple ha diffuso i dati trimestrali e si parla ancora una volta di crescita, ma l’incremento è ben al di sotto delle aspettative e così gli azionisti hanno pensato bene di scatenare le vendite.

Adesso la regina di Wall Street è Exxon a conferma del fatto che il petrolio è sempre, periodicamente, in cima ai pensieri degli investitori.

Apple non и piщ la regina di Wall Street

Le azioni di Cupertino sono ai minimi degli ultimi mesi. L’azienda non и in crisi ma mostra segni di sofferenza

LA MELA (TROPPO) MORSICATA

Apple non и piщ la regina di Wall Street

Le azioni di Cupertino sono ai minimi degli ultimi mesi. L’azienda non и in crisi ma mostra segni di sofferenza

MILANO – Le sue azioni in Borsa sono giunte ai minimi degli ultimi dodici mesi. Il valore della capitalizzazione di Apple di conseguenza cala e ieri, lunedм, и tornato sotto una quota significativa: 400 miliardi di dollari. Mai cosм male nell’ultimo anno e la perdita и piщ vistosa (meno 20 per cento) perchй giunge solo sei mesi dopo un altro record, questa volta positivo, dei 500 miliardi di dollari di valore raggiunti a settembre. Analisti e commentatori cercano di definire i contorni di quel che, se и forzato chiamare crisi, certo non и un buon periodo per Cupertino.

DIVIDENDI – I dati dell’ultimo trimestre presentati da Tim Cook il mese scorso in realtа indicano un’azienda in salute, vendite in aumento sia per iPhone sia iPad e il fatturato ai massimi storici. Eppure i mercati azionari piщ che premiare la crescita sembrano preoccupati dalle prospettive che vedono una concorrenza spietata in tutti i settori in cui Apple и coinvolta. Le azioni da settembre hanno perso il 40 per cento del valore (da 707 dollari a 420). Alcuni azionisti, capeggiati dal manager di hedge fund David Einhorn (che aveva anche minacciato una causa contro Apple nei giorni scorsi, poi abbandonata), chiedono piщ dividendi. I 2,65 dollari per azione elargiti da Tim Cook pochi giorni fa – invertendo la tendenza imposta da Steve Jobs di non riconoscerne alcuno anche in periodi di grande crescita – sarebbero pochi se confrontati con gli utili stratosferici.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

CONCENTRATI SUL FUTURO – Di avviso contrario и invece Warren Buffet, decano degli investitori Usa, che in un’intervista al canale finanziario CNBC ha invitato il management di Cupertino a guardare lontano. «Fossi in Tim Cook ignorerei le critiche. Pianificherei strategie per creare valore nell’arco dei prossimi 5 o 10 anni. Non si puт gestire un’azienda con l’angoscia del valore quotidiano delle azioni». Il Ceo di Apple sembra sulla stessa lunghezza d’onda di Buffet, visto che и intervenuto per commentare la preoccupazioni degli azionisti dichiarando che «non gradisce nemmeno lui la situazione attuale ma che и concentrato sul lungo termine». Sui nuovi prodotti come l’orologio annunciato entro la fine dell’anno. Proprio la capacitа di essere sempre all’avanguardia, di tracciare la strada che poi tutti gli altri seguono, и mancata alla gestione Cook, secondo alcuni osservatori. Se sotto l’egida di Steve Jobs Apple aveva preso l’abitudine di impossessarsi dell’immaginario con prodotti rivoluzionari, il suo erede ha presentato dispositivi ottimi ma non piщ che perfezionamenti di quel che c’era giа.

Apple non и piщ la regina di Wall Street, ecco perchй ha perso il 37,5% da settembre

In questo articolo
Storia dell’articolo

Questo articolo и stato pubblicato il 05 marzo 2020 alle ore 08:44.

New York – Apple ha dovuto cedere la corona di regina della capitalizzazione di mercato. Dopo settimane di testa a testa, il colosso della vecchia economia e del petrolio Exxon Mobil si e’ preso la rivincita ed e’ tornato a dominare la classifica della maket cap americana e mondiale, chiudendo la seduta di lunedi’ con 400,12 miliardi di dollari rispetto ai 394,45 miliardi della societa’ degli iPhone e degli iPad.

Per Apple e’ uno schiaffo psicologico in un momento delicato. La societa’ era parsa destinata a non doversi piu’ guardare alle spalle una volta che aveva superato di scatto la Exxon nel gennaio del 2020. In settembre il suo titolo aveva raggiunto nuovi massimi di 705 dollari e sembrava destinato a scalare rapidamente quota mille. Ma passi falsi e crescente concorrenza hanno tolto smalto alla societa’ orfana di Steve Jobs. Le vendite del suo ultimo iPhone sono state inferiori alle attese e il suo piu’ recente bilancio trimestrale ha deluso. Errori insoliti sono avvenuti anche nell’innovazione: un flop su un nuovo programma di mappe che doveva sostitutire quello della rivale Google.

La concorrenza, nel frattempo, si e’ fatta sempre piu’ accesa. Lo scontro nei tribunali di mezzo mondo con Samsung sulla proprieta’ intellettuale negli smarthphone ha avuto alterne fortune. Ma proprio nei giorni scorsi il maggior caso finora vinto alla Apple, in California, ha visto il giudice dimezzare la multa inflitta a Samsung per violazioni di brevetti e ipotizzare un nuovo processo.

Dietro schermaglie e tensioni ci sono i dubbi degli investitori e degli analisti sulla capacita’ stessa della Apple di continuare a innovare con l’enorme successo del passato, nonostante le ipotesi di lancio quest’anno di un orologio-computer da polso, l’iWatch, e di una televisione targata Apple. La societa’ di recente si e’ anche scontrata con rivolte di azionisti: l’hedge fund Greenlight Capital ha chiesto di utilizare parte delle enoremi riserve in contanti dell’azienda, 137 miliardi, per emettere azioni privilegiate che premino i soci. Altre voci alla vigilia della recente assemblea annuale del gruppo, conclusasi senza annunci di rilievo, hanno chiesto uno split azionario che a sua volta aiuti a valorizzare il titolo.

Assillato da queste incertezze le quotazioni di Apple hanno battuto inesorabilmente in ritirata dai massimi a Wall Street di settembre, finendo ieri a quota 420,05 dollari, un nuovo minimo da inizio d’anno e un multiplo di solo nove volte gli utili. Da settembre il titolo ha ormai ceduto il 37,5% e solo dal primo gennaio e’ sceso del 21 per cento. L’ultimo colpo l’ha forse sferrato in queste ore la societa’ di ricerca Cowen & Co, che ha previsto un rinvio del lancio del prossimo iPhone 5S destinato al cruciale mercato cinese.

Le prove del controsorpasso della Exxon Mobil erano gia’ cominciate il 25 gennaio, l’anniversario dell’incoronazione di Apple regine della market cap: durante la seduta il colosso petrololifero aveva temporaneamente superato il colosso hi-tech. Ieri l’assalto e’ riuscito. A rendere ancora piu’ scottante la ritirata di Apple, e’ stato il nuovo massimo storico contemporaneamente raggiunto da Google, il cui sistema operativo Android sostiene gli smartphone di Samsung e altri rivali di Apple. Il titolo di Google ha guadagnato ieri l’1,9% a 821,50 dollari.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Opzioni binarie: vero o falso?
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: